Il lavello della cucina pulito e splendente con questi 3 semplici rimedi della nonna  

È terminato lo sgrassatore o il detergente per il lavello e allora come fare? Riscoprire qualche vecchio trucco della nonna ci aiuterà a non sprecare e ad ottenere dei risultati egualmente brillanti. Vediamo allora come ottenere il lavello della cucina pulito e splendente con questi 3 semplici rimedi della nonna.

Il modo di pulire cambia

Cia avviamo sempre più verso un futuro in cui la chimica e i prodotti non sani per la salute, verranno progressivamente soppiantati da quelli ecologici. Meno inquinamento, più salute e soprattutto come nel nostro caso, anche zero spesa. Vediamo così come pulire secondo le tendenze dei tempi il lavello di casa.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Limone e bicarbonato

È un’accoppiata vincente per diverse pulizie ecologiche della casa come ad esempio il pavimento. Nel caso del lavello della cucina, lo utilizzeremo come a formare una specie di spugna naturale.

Si taglia un limone in due e si cosparge una parte con del semplice bicarbonato di sodio da cucina. Guanti alla mano cominciamo a strofinare delicatamente il lavabo, passando per tutti i punti.

Poi prendiamo la nostra fedele spugnetta o il panno in microfibra e togliamo i residui con l’acqua del rubinetto. Per ultimo asciughiamo con un panno asciutto il lavello. Vedrete che risplenderà come il sole.

Il vantaggio è che con il limone e bicarbonato si possono eliminare anche eventuali incrostazioni. Inoltre il limone deodora tutto il tubo di scarico, e si può eliminare così il cattivo odore.

La farina

Il lavello della cucina pulito e splendente con questi 3 semplici rimedi della nonna? Eccone un altro, la farina. A differenza di prima, potremo dire che la pulizia con la farina è una specie di “lavaggio a secco”. Il lavandino perciò deve essere asciutto e pulito dai residui alimentari o di sporco più grossi.

Si mette qualche cucchiaio di farina nel lavandino e poi con una spugna asciutta si comincia a passare su tutta la superficie del lavabo, con piccoli movimenti rotatori. Si avrà l’accortezza di tappare lo scarico del lavello per evitare che la farina finisca dentro.

Al termine si aspetterà qualche minuto e poi si provvederà a togliere la farina. È un tipo di pulizia che va a fondo e può raggiungere anche quei punti più difficili.

I cetrioli

Un sistema effettivamente estivo, poiché è quello il periodo dei cetrioli. Ma oggi gli ortaggi si trovano in tutte le stagioni o quasi.

Una volta puliti i cetrioli, non buttiamo le bucce. Sono proprio queste che verranno utilizzate per lavare il lavello sia in metallo che in ceramica.

Si strofina con le bucce tutto il lavello, risciacquando bene e poi asciugando se si vuole. Di fatto con questo sistema della nonna, la pulizia e lo splendore saranno garantiti, oltre che il risparmio.

Ecco delle alternative per lavare il lavello di cucina o il lavandino del bagno, che ci permettono di essere ecologici, evitare prodotti nocivi per la salute e allo stesso tempo di risparmiare sulle spese.

Riscopriamo anche le erbe aromatiche per la cucina e la salute.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te