Il guardiano solitario abbandona la “sua” isola dopo 32 anni. L’incredibile storia dell’ultimo abitante dell’isola di Budelli

Una vita straordinaria, una storia d’altri tempi ma per il Robinson Crusoe italiano non ci sarà finale sperato. Dopo 32 anni trascorsi da eremita nell’isola di Budelli, con un breve annuncio sui social, Mauro Morandi ha annunciato la sua partenza. E così, dopo numerose richieste di sfratto ed una vera e propria battaglia mediatica, l’unico abitante dell’isola sarà costretto a traslocare. Il guardiano solitario abbandona la “sua” isola dopo 32 anni.
In realtà, come ha dichiarato nel suo post, non è intenzionato a fare molta strada e proverà a cercare una sistemazione simile, magari proprio nell’arcipelago di La Maddalena, vero e proprio paradiso terrestre situato nel nord della Sardegna.

Così l’isola perde il suo storico guardiano ed unico abitante. Una vittoria per il Parco Nazionale della Maddalena ed una sconfitta per l’uomo che da quando era arrivato sull’isola non l’aveva più lasciata.

Un viaggio in Polinesia ed un amore a prima vista

Pare che l’idea iniziale di Morandi fosse quella di navigare fino alla Polinesia. Così nel lontano 1989, l’allora professore di educazione fisica, insieme ad alcuni amici, acquistò un catamarano e salpò verso l’avventura. Nessuno avrebbe potuto pensare che il viaggio del prof. Morandi sarebbe durato così poco. Trovandosi a passare per l’arcipelago della Maddalena con il suo catamarano, scoprì casualmente che l’allora custode dell’isola di Budelli stava per lasciare il proprio posto di lavoro. Così, senza pensarci due volte, decise che il paradiso non era poi così lontano e si fece assumere dalla società che all’epoca era proprietaria di una parte dell’isola. Una scelta non particolarmente difficile se si considera il luogo di lavoro ma con un piccolo e non trascurabile dettaglio: da quel momento Mauro Morandi avrebbe vissuto per la maggior parte del tempo in completa solitudine.

Il guardiano solitario abbandona la “sua” isola dopo 32 anni

Le cose cominciano a complicarsi molti anni dopo. Nei primi anni del 2000 la società proprietaria di una parte dell’isola fallisce e la stessa viene acquistata dal Parco Nazionale della Maddalena. Per il guardiano di Budelli le cose si complicano. Da questo momento comincerà la battaglia che dopo una lunga resistenza, oggi ha avuto il suo epilogo.

Consigliati per te