Il dato determinante a cui fare attenzione quando si compra un bond

E’ ancora vantaggioso entrare in acquisto sui BTP? I Buoni del Tesoro Poliennali, specialmente quelli a lunga durata, che rendono di più, rappresentano ancora una occasione? Il Team di Esperti di ProiezionidiBorsa in questo articolo ha voluto fornire al Lettore gli elementi utili per valutare personalmente l’opportunità dell’investimento.

Il dato determinante a cui fare attenzione quando si compra un bond

Per capire se oggi i titoli governativi italiani a tasso fisso rappresentano ancora una opportunità, occorre capire qual è l’obiettivo dell’investimento. Soprattutto occorre capire con quale orizzonte temporale si effettua l’investimento.

OFFERTA SPECIALE - POCHI PEZZI DISPONIBILI
One Power Zoom: i veri occhiali con lenti autoregolabili - Due al prezzo di uno

CLICCA QUI

Proviamo a semplificare individuando dei criteri di valutazione oggettivi. Se si acquista un BTP e lo si porta a scadenza, qualunque questa sia, si ha una certezza, quella del rendimento.

Infatti di qualsiasi obbligazione, conoscendo il prezzo d’acquisto, si può sapere anticipatamente quale sarà il rendimento a scadenza. Questo perché al momento dell’acquisto si conoscono tutti i dati necessari per definirne il rendimento, ovvero prezzo d’acquisto, prezzo di rimborso, eventuali cedole.

Cambia, invece, lo scenario, se l’obbligazione viene ceduta sul mercato prima della scadenza. In questo caso viene a mancare un dato certo, quello del prezzo di vendita, che non possiamo conoscere a priori. E al momento della vendita il prezzo potrebbe trovarsi in 2 posizioni: essere inferiore al prezzo di acquisto; essere superiore al prezzo di acquisto. Questo è il dato determinante a cui fare attenzione quando si compra un bond.

Ecco come sono legati i prezzi di una obbligazione e i tassi di interesse

Senza la certezza di mantenere l’obbligazione fino alla scadenza, ma cercando di ottenere un rendimento positivo, occorre valutare le possibili evoluzioni del prezzo.

Per esempio, ipotizziamo l’acquisto del BTP con scadenza nel settembre del 2044 (ISIN: IT0004923998), attirati dalla cedola annua del 4,75% loro. L’obiettivo è di volerlo tenere per qualche anno, incassare qualche cedola e poi cederlo.

Ebbene, è molto probabile che tra qualche anno il prezzo di vendita sarà inferiore a quello attuale. Perché? Perché è molto probabile che in futuro, con la ripresa economica i rendimenti tornino a salire.

Quando sul mercato i tassi di interesse salgono, inevitabilmente i prezzi delle obbligazioni a tasso fisso scendono. E più l’obbligazione ha una scadenza lontana e più i prezzi tenderanno a scendere.

Quindi è molto probabile che tra qualche anno, il prezzo del BTP sia inferiore al prezzo attuale. E questa minusvalenza potrebbe essere tale da annullare il flusso annuale delle cedole.

Approfondimento

Chi ha questo titolo di Stato potrebbe subire delle perdite nelle prossime settimane.

Consigliati per te