Il crollo della lira turca potrebbe avere conseguenze negative anche sull’Europa

Negli ultimi giorni il licenziamento del presidente della Banca Centrale turca ha provocato un altro terremoto nella valuta del Paese della mezzaluna. Tuttavia il crollo della lira turca potrebbe avere conseguenze negative anche sull’Europa.

La svalutazione della moneta turca ha origini lontane ed è da collegare alle misure adottate dalla Banca centrale turca (TCMB) negli ultimi anni e alle crescenti tensioni geopolitiche del governo di Ankara con l’Occidente. La tempesta perfetta che ha  portato a una generale sfiducia economica nei confronti del Paese con il conseguente crollo della valuta nazionale.

A parte le scelte sbagliate della Banca Centrale turca, sono le crescenti tensioni con l’Occidente che devono preoccupare. Di esempi ce ne sono tantissimi. Dalla contesa con la Grecia per il controllo su Cipro, all’acquisto del sistema di difesa antiaereo russo S-400 al posto di quello proposto dagli USA, ai crescenti investimenti della Cina, al recente scontro tra il presidente francese Macron e quello turco Erdogan. Tutti questi episodi hanno portato a sanzioni contro la Turchia contribuendo al crollo della lira turca.

Qualora, però, questa spirale non dovesse fermarsi l’economia turca, e la sua valuta, potrebbe andare sempre peggio e le conseguenze più gravi potrebbero essere pagate dall’Europa. La Turchia, infatti, ha un ruolo molto importante nel controllo dei flussi migratori che vengono dal Medio Oriente. Se volesse, quindi, potrebbe favorire l’afflusso dei migranti in Europa con tutte le conseguenze del caso.

È evidente, quindi, che il  crollo della lira turca potrebbe avere conseguenze negative anche sull’Europa.

Fatte queste premesse fin dove potrà spingersi il ribasso della lira turca nei confronti dell’euro?

Analisi grafica e previsionale sul cambio euro lira turca

Per le quotazioni euro lira turca in tempo reale clicca qui.

Qualunque sia il time frame considerato la proiezione in corso sul cambio è rialzista con gli obiettivi indicati nelle figure seguenti. Sostanzialmente c’è spazio per un ulteriore apprezzamento del 10% dell’euro sulla lira turca.

Nel breve un primo segnale di rafforzamento della lira turca si avrebbe con una chiusura giornaliera inferiore a 10. Nel medio periodo l’inversione ribassista si concretizzerebbe con una chiusura settimanale inferiore a 10,02. In questo caso si potrebbe scendere fino in area 9,6.

euro lira turca

Euro Lira Turca: proiezione rialzista in corso sul time frame giornaliero. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello inferiore mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi.

euro lira turca

Euro Lira Turca: proiezione rialzista in corso sul time frame settimanale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello inferiore mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi.

Approfondimento

L’incertezza della sfida Trump-Biden indebolisce il dollaro e il cambio con l’euro si dirige verso i massimi annuali

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te