Il coronavirus non sopravvive in mare

Uno studio francese ha concluso che il coronavirus non sopravvive in mare. Nella specie, l’istituto di ricerca marina francese, Ifremer, ha prelevato dei campioni di acque di mare e di molluschi per verificare se contenessero tracce di Covid. Contestualmente il gruppo di studio ha messo sotto osservazione anche le acque reflue, che contengono scarti umani con feci e urina. Questa analisi comparata è stata cruciale in quanto, spesso, gli scarichi finiscono direttamente in mare. Pertanto, risulta ancora più importante il trattamento delle acque reflue negli impianti di depurazione. I risultati hanno condotto al seguente risultato: il coronavirus non sopravvive in mare. La notizia è incoraggiante anche in previsione dell’inizio della stagione estiva.

I ricercatori hanno, però, rinvenuto tracce del virus nelle acque reflue, soprattutto nelle zone più colpite dalla pandemia. Ma la questione non ha destato grande preoccupazione in quanto queste sono assoggettate a trattamento di depurazione. Tuttavia, la circostanza che il Covid-19 si trovasse nelle acque reflue era stata già resa nota dall’Istituto Nazionale di Sanità italiano.

La ricerca francese: nessuna traccia di coronavirus neanche nei molluschi

I ricercatori francesi sono giunti alla conclusione dell’assenza di Covid-19 nelle acque del mare anche passando attraverso l’analisi dei molluschi. Questi ultimi sono stati scelti in modo da coprire tutta la produzione francese. I siti di prelievo sono stati selezioni secondo la loro esposizione alle fonti di contaminazione fecale di origine umana. In particolare, i siti scelti sono stati: 3 in Normandia, 8 in Bretagna, altri 8 nell’Oceano Atlantico e 3 nel Mediterraneo. L’analisi di 21 campioni ha condotto alla conclusione che nessuno aveva tracce di coronavirus.

Oltre che l’analisi dei molluschi, l’indagine è stata condotta anche attraverso prelievi di campioni di acqua marina. Essi sono stati acquisiti vicino a scarichi umani presenti in diversi punti delle coste francesi. Anche con questa indagine correlata, i ricercatori non hanno trovato alcuna traccia di coronavirus. Da qui, la scoperta favorevole secondo cui, almeno l’acqua del mare, è stata risparmiata dalla pandemia.

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.