Il cocktail perfetto è già pronto ora si compra in bottiglia

Lo Spritz già pronto e commercializzato da anni in bottiglia e in lattina, lo conosciamo tutti. Ma ecco pronta tutta una gamma di cocktail e drink in versione pandemia, già preparati dai produttori di alcolici per il consumo a casa. Sono pronti per essere spediti al domicilio di chi si rassegna a fare aperitivo in famiglia.

Gli Esperti di Lifestyle di ProiezionidiBorsa ci raccontano cosa possiamo degustare “at home” se non abbiamo fatto un corso per mixare i liquori.

Il cocktail perfetto è già pronto ora si compra in bottiglia

Sono già quattro le insegne in Italia che hanno cominciato a spedire a domicilio i pre-batched cocktail più gettonati. Siamo sicuri che questa novità non minerà la tradizione della miscelazione italiana. Un cocktail fatto al momento è sempre migliore, soprattutto se contiene ingredienti freschi, come succhi ed estratti. E poi vuoi mettere la gioia di vederlo preparare? Ma se per le feste il drink è distanziato e ci attende pure un Capodanno in lockdown, allora tanto vale berci sù.

La carta dei drink è limited edition

Tra i volonterosi produttori del cocktail-at-home, l’offerta standard è di bottiglie da 200 ml. Solo alcuni aggiungono il formato da 700 ml, che vogliamo pensare perfetto per le feste e non per le pandemie lunghe.

Ecco la carta dei drink già pronti in bottiglia: “Americano”, “Vermouth Cocktail 1888”, “Negroni” e “Martinez 1887”. Tra queste coraggiose liquorerie, una ha deciso di lanciare il “Gini-Tini”, che immaginiamo sarà il gin tonic, oltre alla sua ricetta del “Negroni” e del “Milano-Torino”. Il business di “Martini”, “Negroni” e “Martinez” già pronti ha infiammato anche un produttore toscano di gin.

Cocktail e luoghi “cult”

Il cocktail perfetto è già pronto ora si compra in bottiglia. Anche all’interno di uno stesso cocktail ci possono essere piccole varianti. E allora bisogna chiamarle con un nome diverso.

Sulle bottiglie di un produttore compaiono i nomi di località di vacanza. Luoghi che pochi mesi fa sembravano a portata di mano e quasi banali rispetto a mete più esotiche e lontane. Ora che non ci possiamo andare, neanche facendo lo slalom tra zone rosse e arancioni, ci sembrano desiderabili e mitiche come non mai.

Consoliamoci dunque con “MiTo a Stromboli”, “Boulevardier a Sirmione”, “Gimlet a Positano”, “Daiquiri a Sorrento” e “Negroni a Taormina” in formato da mezzo litro.

Consigliati per te