Il castello di Neuschwanstein, il castello di Cenerentola

La fiaba di Cenerentola è alla base della cultura infantile di tutto il mondo. I piccoli lettori della fiaba sono infatti miliardi e tutti hanno letto almeno una volta la sua storia. Con l’a cultura pop poi, la celebrità della fiaba ha raggiunto vette inimmaginabili. Basti pensare a tutti i parchi a tema costruiti per celebrare l’eroina di Charles Perrault.

E sebbene alcuni narratori abbiamo modificato la storia, la base della fiaba rimane la stessa, così come il matrimonio alla fine. E se ci fosse davvero, da qualche parte, il vero castello di Cenerentola?

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Nei meandri della Germania moderna

Il castello di Neuschwanstein, il castello di Cenerentola, è in realtà il castello costruito da Ludwig II di Baviera per farci vivere il suo compositore di corte, il giovane Richard Wagner. Il castello è situato in una vallata alle pendici di una montagna, quasi sul ciglio di una gola che dà su uno strapiombo.

La vera particolarità del castello di Neuschwanstein, è la sua architettura. Le sue numerose torri, fatte principalmente di marmo e arenaria, servono a innalzare la struttura come se davvero fosse un cigno pronto a spiccare il volo.

Il castello di Neuschwanstein, il castello di Cenerentola

Il suo interno doveva consistere in duecento stanze ma, alla morte di Ludovico, solo quindici erano pronte. Le sale principali, come la sala dei Cantori o la sala del regno, sono state poi utilizzate nel corso del tempo per celebrare la vita di Ludwig II e Wagner, anche con concerti a tema operistico.

Ma forse la vera particolarità del castello di Neuschwanstein, è la ripresa di uno stile ormai decaduto come quello medievale per una struttura totalmente moderna.

E se alla sua creazione, Ludwig II venne considerato un pazzo per la portata della monumentalità dell’opera, a oggi questo castello è uno dei più visitati in tutta la storia della Germania contemporanea.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te