Il cashback non sarà cancellato ma il MEF e la Guardia di Finanza sono già a lavoro per modificarlo

Gli oltre 5,8 milioni di consumatori iscritti al programma cashback in queste ore sono sulle spine.

La notizia della possibile cancellazione del cashback di Stato, così come voluta dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, e dal Governo da lui guidato sembra, oggi, essere solo un brutto ricordo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Il nostro Paese a causa della pandemia e della gravissima crisi economica che sta attraversando è frastornato.

Secondo le ultimissime stime diffuse dall’ISTAT sono aumentate anche le famiglie in povertà assoluta. Rispetto al 2019 circa 335mila nuclei familiari in più.

Le decisioni da prendere per il benessere dell’Italia sono molte e difficili. Per cui anche decidere di destinare ad altri progetti, i cinque miliardi di euro che erano stanziati per il biennio 2021/2022 per il cashback, sembrava una soluzione da valutare.

Tuttavia, sembra che il cashback non sarà cancellato. Ma il MEF e la Guardia di Finanza sono già a lavoro per modificarlo.

Il cashback non sarà cancellato ma il MEF e la Guardia di Finanza sono già a lavoro per modificarlo

In più interviste rilasciate solo nella giornata di ieri 4 marzo, il Viceministro all’Economia del Governo Draghi, Laura Castelli, ha rassicurato i cittadini. Comunicando che il cashback non sarò cancellato. Smentendo, quindi, le ipotesi di abolizione del programma cashback.

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, infatti, ha, aggiustato il tiro. Sembra che il programma di rimborso statale cambierà forma. Verrà modificato ma non cancellato.

Guardia di Finanza e MEF sono, dunque, a lavoro per apportare delle variazioni dirette a restringere il perimetro normativo di applicazione. E a evitare operazioni scorrette.

Sotto la lente di ingrandimento sono finite tutte le operazioni di quelle persone che, per scalare la classifica delle operazioni effettuate, e aggiudicarsi anche il Super Cashback, frazionano i pagamenti.

Soprattutto, quelle transazioni effettuate presso i distributori di carburante con il self service.

I furbi  arrivano ad effettuare moltissime transazioni per pochissimi euro di benzina.

Tutte le operazioni saranno monitorate attentamente da parte di PagoPA. E i furbetti del cashback avranno le ore contate.

Abbiamo visto, dunque, che il cashback non sarà cancellato: ma il MEF e la Guardia di Finanza sono già a lavoro per modificarlo.

Approfondimento

Le ultime novità del cashback 2021 rispetto a quello di Natale e cosa fare per il bonus di 1.500 euro

Consigliati per te