Il caffè migliore per i lunghi pomeriggi alla scrivania è quello della caffettiera a stantuffo, ecco come prepararlo

Non c’è nulla di meglio per accompagnare un lungo pomeriggio di lavoro di una bella tazza di caffè appena preparata. In questi casi però, spesso il caffè più adatto non è quello della moka, che per quanto delizioso, è più appropriato per situazioni mordi-e-fuggi come la colazione, o una pausa al bar mentre siamo in giro a fare le commissioni.

Quando dobbiamo veramente concentrarci e mantenere la concentrazione per lunghi periodi di tempo, ci serve un caffè più duraturo e che sappia accompagnarci per un pomeriggio intero. La soluzione più ovvia è quella del caffè americano, ma molti non ne amano il sapore e la consistenza e lo considerano troppo ‘annacquato’.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Se non ci piace l’americano, non per questo dobbiamo rinunciare a un caffè lungo: esiste un’altra soluzione. Il caffè migliore per i lunghi pomeriggi alla scrivania è quello della caffettiera a stantuffo, ecco come prepararlo.

Che cos’è

Ma che cos’è la caffettiera a stantuffo? La caffettiera a stantuffo viene anche chiamata french press, cioè pressa francese, o coffee plunger. Il meccanismo è molto semplice. Si tratta di una caraffa con un coperchio che possiede un filtro e uno stantuffo. Utilizzando questa caffettiera, potremo goderci un caffè pronto in pochissimi minuti, saporito, mai bruciacchiato e dall’intensità regolabile secondo i nostri gusti.

Il caffè migliore per i lunghi pomeriggi alla scrivania è quello della caffettiera a stantuffo, ecco come prepararlo.

Come preparare il caffè

Ma come preparare il caffè con la caffettiera a stantuffo? È facilissimo: facciamo bollire dell’acqua, e nel frattempo mettiamo all’interno della caffettiera due o tre cucchiai di caffè. Va bene il caffè che usiamo tipicamente per la moka. Non bisognerebbe invece utilizzare quello della macchinetta per espresso perché potrebbe risultare troppo fine (che è l’errore che facciamo spesso con la moka, ecco perché non bisogna farlo).

Quando l’acqua bolle, versiamola accuratamente all’interno della caffettiera in cui abbiamo messo il caffè.

Mescoliamo con un cucchiaino, poi appoggiamo delicatamente il coperchio sulla caffettiera e lasciamola riposare almeno 5 minuti. Poi, premiamo con attenzione lo stantuffo, in modo che il caffè venga filtrato, e la polvere di caffè rimanga sul fondo intrappolata sotto la rete del filtro. Ora non ci rimane che servire il caffè e gustarcelo comodamente alla scrivania.

Consigliati per te