I trucchi che pochi conoscono per rape sempre pronte all’uso

Le rape sono ortaggi stagionali piene di proprietà benefiche per l’organismo. Infatti, ricche di antiossidanti, sono fondamentali per proteggere il sistema cardiovascolare e per rafforzare il sistema immunitario. Oltretutto si tratta di un alimento ipocalorico ma ricco di vitamina C, fibre, sali minerali e acido folico.

Purtroppo, essendo composte per la maggior parte di acqua, si tratta di ortaggi che deperiscono molto facilmente. Per questo motivo, è importante imparare a conservarle per riuscire ad averle disponibili tutto l’anno per zuppe e ricette sfiziose.

Ecco i trucchi che pochi conoscono per rape sempre pronte all’uso

Quando si acquistano le rape è bene scegliere quelle di dimensioni ridotte senza ammaccature o segni. Questo perché quelle più grandi avranno un sapore amaro e richiederanno una lunga cottura.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Prima di cominciare a spiegare come conservare le rape bisognerà fare un importante distinguo tra rape cotte e rape crude. Infatti, a differenza di quelle crude, le rape cotte potranno essere conservate solamente in frigorifero in un contenitore chiuso ermeticamente non più di un paio di giorni. Le rape crude, invece, potranno essere conservate in diversi modi.

Cantina

Le rape di verità invernale, raccolte entro novembre, si conserveranno a lungo se riposte in un luogo con temperatura non superiore ai tre gradi e con umidità non superiore al 90%.

La cantina, quindi, non dovrà essere umida né troppo asciutta.

Per prima cosa bisognerà selezionare attentamente le rape eliminando quelle rovinate, poi tagliare le cime a circa quattro centimetri dalla sommità. Andranno, poi, riposte in sacchi forati per favorire l’areazione.

Le rape non dovranno essere a contatto con altri ortaggi e, in ogni caso, andranno controllate, di tanto in tanto, per eliminare quelle rovinate.

Freezer

Congelare le rape è il metodo migliore per conservarle. In questo modo si conserveranno anche fino a dieci mesi, tuttavia sarebbe meglio consumarle entro sei mesi.

Per essere congelate saranno perfette le rape piccole o medie. Lavare gli ortaggi con acqua corrente per eliminare ogni residuo di terra prima di sbucciarli.

Dopo avere sbucciato le rape tagliarle a cubetti di circa due centimetri e mettere a bollire dell’acqua in una pentola.

Gettare i cubetti di rapa nell’acqua bollente e lasciarli sbollentare per un paio di minuti. Trascorso il tempo, trasferirli in un contenitore in cui sono stati inseriti ghiaccio e acqua. Lasciare le rape per qualche minuto nel ghiaccio prima di scolarle e lasciarle asciugare.

Asciugarle ulteriormente con un canovaccio e riempire dei sacchetti da freezer.

Si consiglia di non riempirli eccessivamente perché dovranno essere schiacciati per eliminare l’aria in eccesso. A questo punto richiudere i sacchetti e riporli nel congelatore.

Aceto

Un altro trucco che pochi conoscono per avere rape sempre pronte all’uso è quello di immergerle nell’aceto. Per prima cosa lavare le rape e sbucciarle. Inserirle in una pentola con acqua salata bollente e farle bollire per circa cinque minuti. Dopo averle scolate andranno disposte su un canovaccio per essere asciugate.

Riempire una pentola con dell’aceto e, dopo averlo insaporito con foglie di origano e pepe in grani, portarlo ad ebollizione.

Prendere le rape e inserirle in barattoli precedentemente sterilizzati prima di aggiungere l’aceto. Chiudere i barattoli e capovolgerli per creare il sottovuoto.

Si consiglia di non consumare le rape così conservate prima di trenta giorni, più si aspetta e più diventeranno buone.

Ecco rivelati i trucchi che pochi conoscono per rape sempre pronte all’uso.

Per scoprire come si conservano le pere si consiglia la lettura di questo articolo.

Consigliati per te