I Tribunali d’Italia hanno rinviato 30mila aste

L’Osservatorio T6 ha redatto uno studio sulle esecuzioni immobiliari. A quanto risulta i Tribunali d’Italia hanno rinviato 30mila aste.

ProiezionidiBorsa TV

L’attività delle esecuzioni immobiliari non sono riprese ancora a pieno regime. Il controvalore delle aste immobiliari ferme nel periodo della pandemia del coronavirus risulta di 3,7 miliardi di euro. Gli uffici preposti in vista della riapertura dopo il periodo estivo hanno la necessità di riorganizzarsi. Messa alle spalle la chiusura forzata è probabile l’operatività piena da metà settembre facendo i dovuti scongiuri. Le aste immobiliari sono ferme da 270 giorni. L’accumulo di arretrato si somma ai tempi di gestione che sono già abitualmente lunghi.

Nel primo semestre 2020 le esecuzioni immobiliari sono calate del 40% rispetto all’anno precedente. Non solo il caso del coronavirus ha inciso sul dato ma anche le norme del Decreto Cura Italia. Il Governo ha infatti bloccato i pignoramenti fino al 31 ottobre prossimo per quanto riguarda le abitazioni principali. L’intera filiera è bloccata. 10mila addetti del settore hanno le braccia conserte.

I tempi di chiusura delle esecuzioni

Il tempo medio di chiusura delle esecuzioni è aumentato: dai 4,2 anni del 2018 ai 4,62 anni dell’anno successivo. Per chiudere una esecuzione immobiliare ci vogliono 150 giorni in più nonostante i Tribunali d’Italia siano più celeri nelle procedure rispetto al passato. Le pratiche pendenti sono 204mila rispetto alle 240mila del passato. Il 13% delle pratiche pendenti hanno una storia giudiziaria di 10 anni.

I Tribunali in & out

12 Tribunali d’Italia hanno esecuzioni ultradecennali ancora sulla scrivania. La maglia nera tocca a Potenza, seguita da Matera e Salerno. E’ giusto però svelare i Tribunali che non hanno pratiche pendenti con questo arco di tempo. Primi della classe sono i Tribunali di Napoli Nord, Rimini, Gorizia, Aosta e Bolzano.

I Tribunali con la migliore tempistica nella definizione delle esecuzioni immobiliari sono Trieste, Ferrara, Trento. I Tribunali di Cagliari, Enna e Patti sono quelli più lenti. I Tribunali d’Italia hanno rinviato 30mila aste nel periodo di lockdown e tra un anno vedremo gli effetti.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te