I titoli azionari che distribuiscono dividendi sono il vero valore nei mercati volatili

I titoli azionari che distribuiscono dividendi sono il vero valore nei mercati volatili. Quando i mercati prendono una brutta piega, i dividendi possono spesso fornire uno scudo contro il calo, qualunque esso sia. Anno dopo anno, le società che pagano i dividendi mettono denaro nelle tasche degli azionisti. E possono quindi offrire la necessaria stabilità durante i periodi di alta volatilità. L’investimento in titoli azionari che distribuiscono dividendi può aiutare a compensare le flessioni inaspettate ed improvvise, generando una fonte di reddito fondamentale.

Guardiamo come i dividendi possono aiutare a ridurre il rischio all’interno dei portafogli degli investitori quando i mercati entrano in territorio turbolento. Prendiamo come esempio il mercato USA, il più evoluto, grosso e liquido mercato del mondo.

Negli ultimi due decenni, le società che pagano dividendi hanno superato l’S&P 500 in 12 anni su 20 (cioè il 60% delle volte). Lo hanno fatto anche in tutti i cinque anni in cui l’S&P 500 ha finito l’anno in territorio negativo. Cosa distingue, quindi, le aziende che pagano dividendi, e soprattutto quelle che riescono ad accrescerli anno su anno, da quelle che non ce la fanno?

I titoli azionari che distribuiscono dividendi

Prima di tutto, un vantaggio competitivo. Se da un lato la crescita dei dividendi indica la forza dell’azienda, dall’altro può anche indicare che l’azienda possiede sulla concorrenza un “fossato economico”, un vantaggio competitivo sostenibile. Questo significa due cose: l’azienda può aumentare i prezzi mentre tiene a bada la concorrenza. Per gli azionisti, ciò indica una maggiore probabilità di redditività e un pagamento dei dividendi più sostenibile.

Poi, il reddito reinvestito alimenta i ritorni. Tra il 1926 e il 2018, i proventi da dividendi reinvestiti hanno rappresentato il 33% del rendimento totale del capitale proprio sull’S&P 500. Mentre l’apprezzamento del capitale è un fattore indiscusso nella costruzione della ricchezza, è facile dimenticare la forza pura dei dividendi.

Ed ancora, bilanci in ordine. La capacità di un’azienda di pagare dividendi costanti è fondamentale. I dividendi vengono prelevati dal saldo di cassa di una società, che deve essere sufficiente sia in condizioni finanziarie forti che in condizioni finanziarie poco brillanti. In definitiva, questa allocazione di cassa rappresenta un approccio conservativo e disciplinato al bilancio aziendale, a dimostrazione di un impegno nei confronti degli azionisti.

Un altro motivo per cui i titoli azionari che distribuiscono dividendi siano il vero valore nei mercati volatili è dato dal fatto che costituiscono uno scudo agli shock finanziari. Quando i mercati diventano negativi, le entrate derivanti dal pagamento dei dividendi possono offrire un’ancora di salvezza. La capacità dei pagatori di dividendi di generare rendimenti superiori, corretti per il rischio, è dimostrata attraverso i loro indici di Sharpe.

In questo indicatore fondamentale, un numero più alto indica un profilo di rischio/rendimento più attraente. Ad esempio, tra il 1990 e il 2018, l’indice S&P500 Dividend Aristocrats, un paniere di azioni che hanno pagato dividendi costanti e crescenti per oltre 25 anni, ha registrato un indice di Sharpe di 0,7 rispetto allo 0,4 dell’S&P 500. Inoltre, dal 2000, un certo numero di titoli azionari che pagano dividendi hanno superato l’S&P 500 in ogni anno in calo. Anche durante gli anni negativi, i titoli azionari che distribuiscono dividendi hanno mostrato rendimenti notevoli.

Uno strumento potente nel mercato di oggi

Poiché il Coronavirus continua a fornire volatilità del mercato, gli investimenti in dividendi possono offrire agli investitori sia stabilità che un forte reddito per aiutare a superare l’attuale tempesta. Naturalmente, non tutti i pagatori di dividendi possono essere considerati sempre dei vincitori.

Un’attenta analisi dei bilanci e dei track record di gestione è necessaria per identificare le società con i fondamentali più forti. Se da un lato i i titoli azionari che distribuiscono dividendi possono contribuire a fornire uno scudo durante mercati volatili, dall’altro rappresentano un importante fattore di creazione di ricchezza nel tempo.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te