I soldi sul conto corrente aumentano l’Isee?

Il titolare di un conto corrente dovrebbe sapere se i soldi in deposito aumentano l’Isee per evitare l’esclusione da alcuni benefici. In altri termini, conviene sapere se la giacenza media di una certa entità può avere un’incidenza negativa sulla fruizione di alcune agevolazioni. Oggi più di prima il contribuente è chiamato a prestare attenzione alle ricadute negative di dichiarazioni reddituali che potrebbero arrecare danni alla propria situazione finanziaria.

A seguito del Covid-19 il Governo ha varato delle misure di supporto indirizzate alle innumerevoli famiglie italiane che all’improvviso hanno subito un crollo economico. Lo stop delle attività lavorative e produttive ha ingenerato un incremento del numero dei disoccupati e una caduta verticale degli introiti mensili. Ciò ha significato il moltiplicarsi delle richieste di aiuti statali da parte dei contribuenti in condizioni di forte disagio economico.

Prestito in convenzione
Prestito in convenzione

Il modello Isee

L’Indicatore di Situazione Economica Equivalente (Isee) coincide con una certificazione da cui è dato risalire alla condizione reddituale del contribuente. Il modello Isee riveste un ruolo strategico nell’individuazione delle categorie di cittadini cui erogare sussidi di varia natura. Proprio a partire dalla valutazione della situazione economica in cui versa il contribuente, l’Istituto di Previdenza sociale riceve autorizzazione ad emettere assegni assistenziali.

I soldi sul conto corrente aumentano l’Isee?

Con cadenza annuale il contribuente deve presentare il modello Isee perché possono subentrare variazioni relative all’ammontare del reddito complessivo. Più bassa è la fascia reddituale di appartenenza più ampio l’accesso ai sussidi economici di cui il contribuente può fruire. Di qui la raccomandazione a non lasciar confluire nella dichiarazione dei redditi beni e strumenti finanziari che escluderebbero dalla percezione di agevolazioni governative.

Conviene pertanto ricordare che nella compilazione dell’Isee rientra il patrimonio mobiliare complessivo del contribuente. Il che equivale a dire che nella dichiarazione Isee figurano anche i soldi depositati sul conto corrente, eventuali azioni, titolo di stato o altri strumenti finanziari di cui si è titolari. Ne consegue che tanto più elevato sarà il tetto del patrimonio mobiliare tanto più crescerà il valore dell’Isee.

Consigliati per te