I semplici trucchi per migliorare la memoria provati dalla scienza

Fin dai tempi della scuola sono in molti a desiderare una memoria di ferro. Chi non ha invidiato quei compagni che preparavano verifiche e interrogazioni leggendo una sola volta il libro di testo?

Anche nel mondo del lavoro e nella vita di tutti i giorni è importante tenere allenata e, se possibile, sviluppare la memoria. Gli studiosi sono venuti incontro agli smemorati offrendo alcune semplici soluzioni. Ecco i semplici trucchi per migliorare la memoria provati dalla scienza.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

La natura alleata della memoria

Il primo aiuto per migliorare la memoria arriva dalla natura. Il primo step per tenere la mente accesa, e ricordarsi più facilmente informazioni e nomi, è quello di mangiare i giusti alimenti. Chi non ha sentito dire almeno una volta che il pesce fa bene alla memoria? Questo perché è ricco di omega3, che aiuta a mantenere la salute neuronale.

Secondo uno studio pubblicato su Neurology, inoltre, sono di grande aiuto i frutti rossi. Ma non solo, sono utilissime anche le verdure a foglia verde e le spremute d’arancia rossa.

Da evitare, invece, tutti i cibi confezionati, lavorati, ricchi di zuccheri e di grassi saturi.

La natura aiuta la memoria anche con semplici passeggiate. Secondo uno studio dell’Università del Michigan i partecipanti che facevano passeggiate nei boschi riportavano capacità mnemoniche migliori del 20% in confronto a coloro che camminavano in città. Questo perché l’aria pulita e sana permette di ossigenare meglio il cervello e di rilassarsi.

Gli esercizi per migliorare la memoria

Tra i semplici trucchi per migliorare la memoria provati dalla scienza spiccano anche degli esercizi che possono essere svolti tutti i giorni. Questi sono l’ideale per gli studenti che vogliono migliorare le loro capacità mnemoniche ma anche per gli smemorati.

Secondo Yogo e Fujihara è, ad esempio, utilissimo tenere un diario personale. Il gesto di dover ricordare gli eventi e riportarli su carta aiuta, infatti, a sviluppare la memoria di lavoro. Questa è una memoria a breve termine che ci permette di agire, ragionare e fare scelte basandoci su informazioni ricevute da poco.

Secondo uno studio pubblicato sulla “Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory, and Cognition” è, inoltre, importante ripetere ad alta voce le informazioni che si vogliono ricordare. Se però vengono ripetute tutte le informazioni sarà più difficile distinguere quelle davvero utili dalle altre.

Il consiglio è, dunque, quello di leggere tutto a mente e ripetere a voce alta solo le cose più importanti. In questo modo le parole dette ad alta voce spiccheranno sulle altre e sarà più facile ricordale.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te