I segreti per proteggere le nostre mani contro le irritazioni dei prodotti chimici

Lavarsi le mani è importantissimo, ora più che mai. Ma a un anno dall’inizio della pandemia la pelle delle mani rischia di dare segni di sofferenza. Lavaggi continui e prolungati, prodotti aggressivi, guanti, tutto questo dopo il freddo invernale. Capita sempre più spesso di vedere rughe, piccole ferite e screpolature sulle nostre mani.

Spesso si tratta di piccoli segni che scompaiono dopo pochi giorni, ma se non si fa attenzione si rischia di fare diventare il problema cronico. Anche perché i medici raccomandano un lavaggio di almeno 20 secondi, che alterni sapone (ottimo per la pulizia ma meno come antibatterico). Anche gel o prodotti sintetici spesso a base di alcol.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Vediamo insieme allora i segreti per proteggere le nostre mani contro le irritazioni dei prodotti chimici.

La dermatite, nemico numero uno

Il principale indiziato quando vediamo screpolature o ferite sulle nostre mani è la dermatite. Ne esistono di due tipi, la dermatite da contatto e la dermatite allergica da contatto. In entrambi i casi il problema è il detergente, che indebolisce le naturali difese della pelle e apre la via all’infezione (o alla manifestazione allergica).

Sulle nostre mani infatti è perennemente presente un impercettibile strato protettivo chiamato “film idrolipidico”. Essendo composto principalmente di grassi, subisce l’attacco del tradizionale sapone e dei gel igienizzanti ogni volta che ci laviamo le mani.

I segreti per proteggere le nostre mani contro le irritazioni dei prodotti chimici

La cosa migliore per proteggerci le mani dall’aggressione di saponi  e gel aggressivi è l’uso di un emolliente. Si può fare in modo che sia contenuto negli stessi gel che usiamo. Oppure possiamo scegliere una crema da affiancare ai prodotti per la nostra igiene. L’ideale è applicarla 3 volte al giorno, e quanto agli ingredienti non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Tra gli ingredienti più efficaci per una buona crema emolliente ricordiamo la cera d’api, gli oli vegetali, minerali come calcio, magnesio e potassio, il burro di karitè. Ma anche l’olio di Argan, il latte di mandorle, la glicerina, che crea una vera barriera protettiva contro detergenti e intemperie, e molti altri. Bisogna naturalmente scegliere una crema sufficientemente naturale e delicata da adattarsi alle specifiche esigenze della nostra pelle. Anche per questo l’ideale rimane consultare il parere di un dermatologo di fiducia.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te