I segreti dei grandi chef per cucinare un pesce alla griglia da leccarsi i baffi che lascerà a bocca aperta i nostri ospiti

Il periodo delle grigliate in giardino o sul terrazzo è ufficialmente iniziato già da qualche settimana. Grigliata fa rima con feste e amici, ma nessuno ci vieta di cucinare alla griglia anche per la nostra famiglia. D’altra parte, quello alla griglia è un metodo di cottura tra i più sani e leggeri, che permette di salvaguardare tutte le proprietà degli alimenti ed esaltarne oltremodo i sapori. In questa maniera possiamo cucinare non solo salsicce, braciole e costine, ma anche del buon pesce fresco e delle gustosissime verdure.

C’è però una nota negativa. Quando si cucina alla griglia, l’inconveniente più antipatico è quello dell’alimento che rimane attaccato alla piastra. Come risolvere il problema? Il caso della carne lo abbiamo affrontato in un altro articolo. Per leggerlo basta cliccare qui. Oggi approfondiremo invece il discorso del pesce.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

I segreti dei grandi chef per cucinare un pesce alla griglia da leccarsi i baffi che lascerà a bocca aperta i nostri ospiti

Che sia in ghisa, pietra lavica, acciaio inox o pietra ollare, la piastra su cui andremo a cucinare deve essere molto calda. Per capire qual è il momento giusto, basta leggere quanto abbiamo spiegato in questo articolo.

Il pesce deve essere posto sulla piastra a temperatura ambiente, mai freddo da decongelamento!

Fare in modo che il pesce non si attacchi alla piastra

Per evitare questa seccatura, che va ad alterare il gusto del prodotto donandole quel fastidioso retrogusto di bruciato, vi sono 2 alternative:

a) ungere la piastra in maniera uniforme con un filo di olio, e porvi sopra il pesce senza nessun altro condimento. Controllare in maniera regolare la cottura e girare il pesce più volte;

b) sistemare della carta forno tra la piastra e il pesce. Anziché stendere il foglio di carta sulla piastra, è possibile anche realizzare un vero e proprio cartoccio all’interno del quale avvolgere il pesce insieme al suo eventuale condimento. Alla fine, alla carta da forno resterà attaccata solo la pelle del pesce.

Ricordiamo infine che per un’ottima grigliata di pesce, il prodotto deve presentarsi a fette non troppo alte (max 2 cm) per assicurarsi una cottura uniforme.

Ecco, quindi, i segreti dei grandi chef per cucinare un pesce alla griglia da leccarsi i baffi che lascerà a bocca aperta i nostri ospiti.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te