I ricavi delle banche possono essere la scintilla che farà salire ancora i mercati

I ricavi delle banche possono essere la scintilla che farà salire ancora i mercati. La stagione delle trimestrali inizia questa settimana. Come sempre ogni trimestre, le aziende quotate a Wall Street riporteranno i loro ricavi. Le grandi banche sono tra le prime a riferire. JPMorgan, Citi e Bank of America nei prossimi giorni rilasceranno tutti i loro risultati. Gli investitori si stanno preparando a un duro colpo. Questo poiché gli analisti prevedono un calo del 44% dei profitti di S&P 500, il peggior calo degli ultimi 12 anni. Dopotutto, questo sarà il trimestre tra aprile e giugno. Il trimestre dove per molte settimane molte nazioni erano in lockdown. E le loro economie erano quasi ferme.

Il modo in cui le banche riporteranno i propri utili e i mercati reagiranno potrebbe essere la chiave per la prossima tappa del rally, hanno detto dall’Ufficio Analisi di Proiezionidiborsa. JPMorgan, in particolare, potrebbe essere il catalizzatore. La scorsa settimana JPMorgan è diventata molto attraente dal punto di vista del rischio-ricompensa. Quindi, bisogna vedere cosa e come lo comunicano. Potrebbe essere la scintilla che manda il mercato ancora più in alto dopo che le banche avranno iniziano a comunicare i loro risultati.

I ricavi delle banche possono essere la scintilla che farà salire ancora i mercati

In particolare, bisogna seguire attentamente ciò che l’azienda dice sulle disposizioni in materia di perdite su prestiti, mancati pagamenti e qualsiasi prospettiva su come il consumatore si stia comportando. Qualsiasi notizia positiva potrebbe aiutare JPMorgan e il resto delle banche a recuperare il tempo perduto. JPMorgan è pronta a riferire prima della campanella di martedì. Anche Citi e Wells Fargo sono in programma per annunciare i risultati quel giorno. Goldman Sachs è fissata per mercoledì, Bank of America e Morgan Stanley per giovedì, e BlackRock per venerdì.

Il nostro Ufficio Analisi vede il potenziale dei ricavi bancari come motore per spingere ulteriormente il rally del mercato. Le banche sono davvero in un momento critico in cui, se rimbalzano, cosa che appare probabile da un punto di vista tecnico, possono contribuire al rialzo del mercato. Soprattutto se le azioni tecnologiche si fermassero un po’, il che sarebbe molto naturale dopo la performance che hanno visto finora.

L’ETF delle banche USA (NYSE:KBE) è sceso del 36% quest’anno, molto di più del calo del 2% dell’S&P 500 fino a ieri.

Se dovessimo vedere le azioni delle banche come un unico gruppo che si è attivato qui da un punto di vista relativo, questo potrebbe essere un grande mercato positivo”. Aiuta l’S&P 500 forse a tornare ai massimi”, ha detto Stockton.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te