I ribassisti falliscono la loro occasione e il prezzo del petrolio potrebbe arrivare in area 80 dollari

Se settimana scorsa scrivevamo Il petrolio fallisce il colpo del KO dando l’opportunità ai ribassisti di riprendere il controllo della tendenza in corso, questa volta ci troviamo a commentare della riscossa dei tori. Infatti, i ribassisti falliscono la loro occasione e il prezzo del petrolio potrebbe arrivare in area 80 dollari.

Lo sviluppo della settimana di contrattazioni è stato molto interessante. Dopo la seduta di lunedì 20 settembre che ha visto le quotazioni del greggio perdere oltre il 2%, le successive quattro sono state tutte al rialzo creando interessanti situazioni grafiche. Prima di affrontarle, però, vogliamo spendere qualche parola sulle cause che hanno causato questo violento rialzo del prezzo del petrolio.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

I prezzi del petrolio sono saliti per la terza settimana di fila. Questo rialzo è da attribuire alle interruzioni della produzione globale hanno costretto le compagnie energetiche ad attingere dalle scorte grandi quantità di greggio. Il rally è stato leggermente smorzato dalla prima vendita pubblica cinese delle riserve statali di greggio.

I ribassisti falliscono la loro occasione e il prezzo del petrolio potrebbe arrivare in area 80 dollari: le indicazioni dell’analisi grafica

Il petrolio  (prezzo in tempo reale) ha chiuso la seduta del 24 settembre a quota 73,95 dollari in rialzo dello 0,97% rispetto alla seduta precedente. La settimana si è chiusa con un rialzo dello 2,97% rispetto alla chiusura settimanale precedente

Time frame giornaliero

Come già accennato in precedenza, dopo una svarione iniziale tutta la settimana è stata al rialzo e ormai manca poco al raggiungimento del III obiettivo di prezzo in area 75,16 dollari. Su questi livelli, poi, dovremmo assistere a prese di beneficio che, nel caso di un semplice ritracciamento, potrebbero portare le quotazioni in aera 70 dollari. Una chiusura giornaliera inferiore a questo livello potrebbe portare a un’inversione ribassista i cui obiettivi al momento non possono essere calcolati.

petrolio

Time frame settimanale

Lo scenario rialzista, indicato dalla linea tratteggiata, ha preso il sopravvento e adesso le quotazioni puntano area 81,70 dollari. Prima, però, c’è l’ostacolo in area 76 dollari che corrisponde al massimo precedente. Il livello, cioè, dal quale era iniziato il ritracciamento.

Per capire il futuro di medio termine, quindi, sarà necessario attendere le chiusure delle prossime settimane.

petrolio

Time frame mensile

Notiamo solo che il limite invalicabile di lungo periodo passa comunque per area 76,8 dollari.

petrolio

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te