I pro e i contro del tatuaggio per le sopracciglia

Da quando star come Bella Thorne nel 2016 hanno postato le proprie foto, il microblading è al centro delle conversazioni da salotto. E si è diffusa una vera brow-obsession, il pensiero continuo sullo stato delle nostre sopracciglia. Il tatuaggio semi permanente che offre sopracciglia perfette, è uno dei primi servizi richiesti dalle donne adolescenti, subito dopo l’abbonamento sullo smartphone. Anche Madonna ha fatto ampio ricorso a questa tecnica che attualmente sta conquistando anche il genere maschile. Però ha suoi pro e contro: vediamo quali con la redazione Lifestyle di ProiezionidiBorsa.

Molti operatori improvvisati

Come tutti i trend esplosivi, anche il microblading ha generato un esercito di operatori improvvisati. Ai quali però non conviene affidarsi. Prima si iniettava semplicemente il colore sotto pelle, con un ago da tatuaggio. Ora l’operatore impugna un manipolo costituito da minuscoli aghi allineati in riga, che praticano micro incisioni oblique. Essi penetrano nello strato papillare del derma per rilasciare il pigmento. Dunque non ci si deve esporre a rischi pericolosi.

I pro e i contro del tatuaggio per le sopracciglia

In caso di inesperienza del tatuatore, gli errori di microblading risultano molto evidenti. I tagli troppo profondi generano cicatrici. Gli strumenti non adeguatamente sterilizzati possono trasmettere infezioni. Mettersi nelle mani di un operatore qualificato, non significa dunque solo scegliere chi ha seguito un corso. Ma anche farsi tatuare in un locale sterile e autorizzato dall’Asl.

Errori gravi se si è inesperti sui pigmenti

I pigmenti in polvere utilizzati per il microblading sono un altro fattore di rischio per i clienti. Devono essere sterili e certificati a livello europeo per poter essere utilizzati in sicurezza. L’operatore deve fornire le schede che indicano la composizione e la provenienza. La presenza di sostanze fuori legge nei pigmenti può scatenare allergie, generare problemi di irritazione e intolleranza. I pigmenti, inoltre, non devono essere iniettati laddove un operatore esperto sospetta il formarsi di un melanoma. Questo tumore che sulla superficie cutanea, penetra in profondità, raggiunge il flusso sanguigno. A proposito di colori, è indispensabile scegliere colori che si armonizzano con quelli delle vere sopracciglia e con le sfumature dei capelli. Chi ha la cute chiara con efelidi rossicce, ad esempio, deve essere trattato con pigmenti freddi.

Errori di linee e di armonia

I pro e i contro del tatuaggio per sopracciglia, riguardano anche le linee e l’armonia complessiva. Un operatore qualificato è in grado di suggerire le sopracciglia più adatte ad ogni persona. Il desiderio di replicare quelle di Madonna non è sempre realizzabile. La linea delle sopracciglia deve essere armonizzata con l’architettura del volto. La parte ascendente deve essere il doppio di quella discendente, la linea deve essere morbida e con spessore decrescente nella parte finale, non deve incupire lo sguardo. L’inizio deve coincidere con l’apice dell’angolo interno dell’occhio, per non far risultare il naso troppo largo o lo sguardo troppo arcigno.

Errori di tratto spesso o sottile

Un operatore esperto è in grado di creare tratti sottili e realistici, restando nel perimetro disegnato. Aumentare eccessivamente lo spessore dà un risultato innaturale, specialmente sulla pelle matura. Una sessione non dura più di due ore e mezza e il costo del microblading permanente non supera gli 800 euro. Meglio farla dopo l’estate per evitare qualche discromia, spiega Marco Iera, medico specializzato in chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica dell’Istituto Clinico Brera di Milano. I ritocchi si valutano caso per caso e possono essere fatti non prima di sei mesi.

Le sopracciglia disegnate con il microblading, di solito durano da uno a tre anni. I pigmenti sbiadiscono più in fretta se ci si espone molto al sole o al cloro dell’acqua delle piscine. Il microblading non è adatto a chi ha la cute molto grassa, a chi soffre di dermatite atopica, psoriasi rosacea o eczemi. Meglio evitare se si assumono farmaci coagulanti.

Consigliati per te