I parchi riaprono. Ecco le regole da seguire

La decisione da parte del Governo di riaprire i parchi, giardini e ville è accompagnata da talune regole e limitazioni. Naturalmente, l’obiettivo è quello di evitare il contagio pur consentendo ai cittadini di passeggiare e prendere aria. L’ingresso, come è ovvio, sarà interdetto a persone prive di sintomatologia da febbre e infezioni respiratorie e con temperature inferiori a 37.5. Inoltre, non sono ammessi quanti sono risultati positivi al tampone o che hanno l’obbligo di quarantena. Inoltre, sulle panchine sarà possibile sedere solo alle estremità. Poi, la parte dedicata ai giochi resterà chiusa per evitare gli assembramenti, seppur tra bambini.

Altre regole per il distanziamento e divieto di assembramento

Non sarà possibile, per i ragazzi, svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto. Quindi, non si potrà praticare calcio, basket, palla a volo nè tantomeno giocare a bocce. Se ci sono campi a ciò destinati, quindi, sarà vietato l’ingresso agli stessi. Inoltre, l’attività sportiva all’aria aperta nei parchi, sarà possibile soltanto se praticata individualmente. Per i minori e i soggetti non autosufficienti, invece, è consentita la presenza di un accompagnatore ma sempre rispettando il distanziamento di 2 metri. Invece, per quanto concerne l’attività motoria all’aria aperta, valgono le stesse regole appena descritte per l’attività sportiva ma la distanza interpersonale potrà essere di un metro anzichè di due.

Tutte queste belle regole sono pie e giuste e suonano come la filastrocca di Natale. Non c’è nulla che non quadri nella loro rispettabilità. Purtuttavia, non si capisce perchè se faccio attività sportiva, la distanza deve essere di 2 metri mentre se faccio quella motoria, di 1 metro. Questa regola ha una ragion d’essere o ogni tanto si tira a sorte? Inoltre, si dovrebbe capire come si fa a sapere se viaggiamo alla distanza giusta. Cioè, come facciamo a sapere se stiamo rispettando la distanza di 1 metro o di due? Le opzioni potrebbero essere le seguenti: 1. Porto il metro rigido; 2. Porto il metro morbido che è più comodo; 3. Indosso il cappello con distanze laterali, modello “China Town”, seguendo la moda lanciata dai bambini cinesi per il ritorno in classe. In quest’ultimo caso, gli imprenditori “colgano la palla al balzo”, appunto….

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te