Sai quanto ti costerà la pensione?
Hai 350.000€ e vuoi saperne di più? Leggi La guida completa al tuo Reddito pensionistico.. Scopri di più >>

I mercati fra dollaro forte, dazi e le minute BCE. A cura dell’ufficio studi di XTB

L’inizio della sessione europea è piuttosto sommesso. La maggior parte degli indici di blue chip del Vecchio Continente guadagna, ma la scala di avanzamento è minore. In Austria, Italia, Portogallo e Russia stiamo osservando un calo. L’indice russo RTS è l’unico indice maggiore a produrre qualsiasi mossa più grande fino a quando è scambiato oltre l’1% al di sotto della chiusura di ieri. Dando uno sguardo alla ripartizione del settore dell’indice Euro Stoxx 600, possiamo vedere che la tecnologia e le compagnie di viaggio stanno sovraperformando, mentre i produttori di ricambi auto e auto stanno sottoperformando di più.

È stato ampiamente anticipato che Jens Weidmann, il presidente della Deutsche Bundesbank, fosse il successore di Mario Draghi come leader della Banca centrale europea. Il mandato di Mario Draghi come presidente della BCE si conclude nell’ottobre 2019. Tuttavia, secondo il Handelsblatt, il governo tedesco potrebbe effettivamente abbandonare il paese dalla corsa per questa posizione. Il quotidiano afferma che Angela Merkel potrebbe essere più propensa a mantenere la posizione di Presidente della Commissione Europea piuttosto che il massimo dirigente della BCE. Una tale mossa permetterebbe alla Germania di avere un impatto maggiore sull’integrazione europea più ampia, che è uno degli obiettivi di vecchia data della Merkel. Oltre a ciò, poiché Weidmann è un noto critico della politica monetaria ultra-accomodante, alcuni sostengono che, nel caso in cui venga nominato per il posto di presidente della BCE, potrebbe incontrare una forte opposizione, specialmente dai paesi dell’Europa meridionale. Va notato che l’anno prossimo sarà eccezionalmente interessante quando si tratterà della politica dell’Unione europea, in quanto si apriranno diversi posti di lavoro all’interno del blocco, tra cui capo economista e presidente della BCE, presidente del Parlamento europeo, presidente della Commissione europea e presidente del Consiglio europeo.

DE30 trova ancora difficoltà a superare la zona di resistenza di 12380-12425 punti. Fonte: xStation5

 

Nonostante alcuni forti guadagni realizzati nella prima metà della sessione di ieri, DE30 non ha ancora superato la zona di resistenza di 12380-12425 punti. Il parametro di riferimento continua a riportare alla media mobile a 33 periodi nell’intervallo H4 poiché i tori continuano a non riuscire a mantenere i guadagni raggiunti. Il benchmark tedesco sta ancora una volta prendendo d’assalto la zona di resistenza al momento della stampa, ma a meno che non si veda la chiusura di una candela giornaliera sopra la zona sopra menzionata o chiaramente al di sotto di essa le prospettive non sono chiare. Nel caso in cui nessun importante stimolo di notizie positive o negative possa determinare un significativo impulso verso l’alto o verso il basso, il trading DE30 può essere bloccato tra il limite superiore della zona di resistenza a 12425 pts e la media mobile a 33 periodi (attualmente intorno a 12360 pts).

Deutsche Bank (DBK.DE) è il principale ritardatario tra i componenti DAX. Fonte: Bloomberg

Notizie corporative

Deutsche Bank (DBK.DE) è uno dei ritardatari top DAX di giovedì. La filiale della Banca di Londra minaccia di cessare i suoi rapporti commerciali con il governo della Federazione Russa. La minaccia è una conseguenza della lettera inviata dalla Deutsche Bank alle autorità russe alla fine di giugno. La Banca ha chiesto nella lettera per i documenti che aiuterebbero ad aggiornare le informazioni di Know-Your-Customer (KYC). Il governo russo non è riuscito a fornire al creditore tale documentazione fino a quel momento (la scadenza iniziale è scaduta alla fine di luglio e successivamente è stata emessa ulteriore comunicazione). Tuttavia, va notato che la Deutsche Bank è stata spesso criticata per la sua conformità troppo complessa e le procedure KYC. Ricordiamo che la Banca è stata multata dalle autorità britanniche e statunitensi l’anno scorso dopo che i ricchi russi sono riusciti a trasferire circa $ 10 miliardi dalla Russia attraverso i servizi di Deutsche Bank. Si dice che le azioni assomiglino a schemi di riciclaggio di denaro.

 

I mercati fra dollaro forte, dazi e le minute BCE. A cura dell’ufficio studi di XTB ultima modifica: 2018-08-23T12:12:03+00:00 da XTB Online Trading
Opera sui Mercati con XM
Opera sui Mercati con XM

Prova i segnali di Borsa per due mesi a 120 euro

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.