I margini di manovra per l’oro si riducono sempre più, attenzione all’esplosione di volatilità

Per la quinta settimana consecutiva le quotazioni dell’oro si sono mosse all’interno di un range ristretto che fa sempre più pensare all’arrivo di un forte movimento direzionale. Quindi, i margini di manovra per l’oro si riducono sempre più e la probabilità che si assista a un’esplosione di volatilità diventa sempre più elevata.

La nota stonata della settimana appena conclusasi arriva dalla chiusura al ribasso e sotto un importante supporto che, sebbene non importante dal punto di vista numerico, potrebbe esserlo dal punto di vista tecnico. Con una chiusura settimanale inferiore a 1.808,2, infatti, si è lasciato lo spiraglio aperto per i ribassisti che potrebbero ripartire nuovamente all’attacco. D’altra parte nel report precedente scrivevamo

Ovviamente una chiusura settimanale sotto il livello in area 1.808,2 dollari farebbe nuovamente partire al ribasso le quotazioni verso area 1.625 dollari.

Quindi, per non essere in balia di questi micro movimenti, sarà il caso di attendere un segnale molto più forte. Ad esempio il raggiungimento e superamento  del I obiettivo di prezzo in area 1.872,6 dollari. Questo livello, infatti, già in passato ha sbarrato la strada ai rialzisti e potrebbe, ancora una volta, impedire ai rialzisti di prendersi la loro rivincita.

I margini di manovra per l’oro si riducono sempre più, attenzione all’esplosione di volatilità: le indicazioni dell’analisi grafica

L’oro (prezzo in tempo reale) ha chiuso la seduta del 23 luglio in ribasso dello 0,28% rispetto alla seduta precedente a quota 1.802,1 dollari. La settimana, invece, si è chiusa con un ribasso dello 0,57%.

Time frame settimanale

oro

Time frame mensile

Sul lungo periodo la situazione è ancora più incerta. Come si vede dal grafico, infatti, le quotazioni sono bloccate all’interno del trading range 1.654 dollari – 1.880 dollari da ormai molti mesi. Solo la chiusura oltre uno dei due livelli indicati potrebbe dare finalmente il via a un movimento fortemente direzionale.

Ricordiamo sempre che nel caso in cui si dovesse partire al rialzo l’oro potrebbe raggiungere quota 3.500 dollari come già discusso a inizio anno (Dopo un inizio anno debole l’oro dovrebbe esplodere al rialzo verso area 3.500 dollari).

oro

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te