I maccheroni al grattè, come si dice a Napoli, o timballo di pasta gratinata, sono un  piatto sublime della tradizione partenopea

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Presentiamo, oggi, un piatto tra i più semplici della tradizione campana e partenopea nei giorni di festa. Sicuramente lo prepareremo in minor tempo rispetto a quello impiegato, ad esempio, per il ragù. Ma alla fine otterremo, comunque, un piatto che ci regalerà grandi soddisfazioni.

Dunque, eccoci pronti a preparare i maccheroni al grattè, come si dice a Napoli, o timballo di pasta gratinata: sono un primo piatto sublime della tradizione partenopea, per una memorabile domenica autunnale.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Le caratteristiche della preparazione

Il termine “grattè” di questa pietanza significa “gratin”, ossia gratinatura, per via della croccantezza che si ricava in superficie, in seguito alla cottura. È la caratteristica principale di questa preparazione. Il riferimento del nome, dunque, è a quella crosticina dorata e saporita della superficie. Si ottiene per effetto della besciamella, del parmigiano e del pan grattato, quando entrano in contatto con l’alta temperatura del forno.

Ancora, essa si differenza dalla pasta al forno proprio per questa caratteristica un pò più pronunciata, e per l’abbondante presenza di elementi grassi. In questa preparazione utilizzeremo la besciamella, il fiordilatte e il burro. Per finire, rispetto alla pasta al forno, questa pietanza non presenta la salsa di pomodoro.

Ingredienti

Ecco, dunque, gli ingredienti occorrenti:

a) 500 gr di pasta corta, come pennette o rigatoni; a Napoli si usano i ziti spezzati;

b) 700 gr di besciamella pronta;

c) 250 di fiordilatte;

d) 250 di prosciutto cotto;

e) 150 gr di parmigiano grattugiato;

f) 70 gr di burro;

g) pane grattugiato, quanto basta;

h) noce moscata e sale, quanto basta.

Prepariamo i nostri maccheroni al grattè

Cuociamo la pasta in una pentola, con abbondante acqua bollente e salata, stando attenti a scolarla un pò prima del tempo di cottura, indicato sulla confezione.

A parte, facciamo scolare il fiordilatte, prima di tagliarlo a dadini, insieme al prosciutto cotto.

Quand’è pronta, scoliamo la pasta e cominciamo a condirla con 50 gr di burro a temperatura ambiente. Facciamolo sciogliere, mentre mantechiamo la pasta, nella pentola calda, ma lontana dalla fiamma.

Ora aggiungiamo alla pasta la besciamella, la noce moscata, il fiordilatte, il prosciutto cotto e il parmigiano grattugiato. Mescoliamo il tutto per bene.

Prepariamoci a cuocere questo timballo di pasta

Imburriamo un tegame e versiamoci la pasta, condita, prima di terminare, con una spolverata di parmigiano e pangrattato.

A questo punto inforniamo a 180°, per circa trenta minuti, fino a quando in superficie la pasta non avrà formato la caratteristica gratinatura.

Nulla da eccepire, i maccheroni al grattè, come si dice a Napoli, o timballo di pasta gratinata sono un primo piatto sublime della tradizione partenopea, pronti, a questo punto della preparazione, per essere gustati da tutta la famiglia.

Infine, sempre attingendo dalla tradizione culinaria partenopea, presentiamo in quest’altro articolo la ricetta degli spaghetti alla puveriello.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te