I farmaci per pressione alta e malattie cardiovascolari possono influire negativamente sul Covid?

Le persone con malattie cardiovascolari sono maggiormente a rischio da contagio Covid 19. Ma una delle maggiori preoccupazioni è se l’interazione tra i farmaci per pressione alta e malattie cardiovascolari possono influire negativamente sul Covid.

Da considerare anche che la malattia cardiovascolare è una delle cause più comune di morte nel Mondo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Smartwach XW6

Con l’inizio della pandemia Covid 19, sono emerse i primi rapporti di pazienti con malattie cardiovascolari con maggiore probabilità di contrare il virus SARS-Co-2. Però, gli studiosi hanno approfondito quest’aspetto con risultati rassicuranti.

Sempre in merito ai farmaci, un recente studio lancia l’allarme sull’abuso degli antibiotici per un probabile rischio di cancro al colon retto.

I farmaci per pressione alta e malattie cardiovascolari possono influire negativamente sul Covid?

Lo studio è stato condotto dal Professore di farmacologia e terapia, Sir Munir Pirmohamed, pubblicato dall’University of Liverpool. Inoltre, la ricerca eseguita su più di 500 database, ha chiarito l’incidenza dei farmaci per le malattie cardiovascolari e il Covid 19.

I ricercatori precisano che il campo si evolve rapidamente, quindi, gli studi si aggiornano di continuo.

Nello studio effettuato i ricercatori hanno identificato i farmaci più utilizzati per le malattie cardiovascolari. Nello specifico, si tratta dei farmaci inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e i bloccanti del recettore dell’angiotensina II. Questi farmaci sono prescritti per l’ipertensione arteriosa (comunemente chiamata pressione alta) e per prevenire ictus o infarti.

Dalla ricerca è emerso che i farmaci cardiovascolari non sono associati ad un maggior rischio all’infezione Covid 19.

Questo studio conferma un altro precedente, che rilevava che i farmaci per il cuore sono sicuri per le persone contagiate dal Covid 19. Secondo gli studiosi, gli esiti della ricerca sono rassicuranti e sottolineano di continuare a prendere i farmaci cardiovascolari prescritti dai medici.

Gli studiosi consigliano ai pazienti che assumono questi farmaci, di non sospendere la cura e di rivolgersi sempre al medico curante. In quanto, non ci sono prove convincenti che indicano esiti negativi del Covid sui farmaci per le malattie cardiovascolari.

Approfondimento

2 farmaci comunissimi riducono i rischi al cuore e permettono un sonno tranquillo

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te