I due sentimenti che condizioneranno la seduta di oggi in Borsa a Milano 

In Piazza Affari da qualche seduta dominano incertezze e prudenza. E questi sono i due sentimenti che condizioneranno la seduta di oggi in Borsa a Milano. Secondo l’opinione degli Esperti di ProiezionidiBorsa, ecco cosa può accadere oggi sul listino milanese.

In Borsa regna un clima di prudenza misto a incertezza

Prosegue l’andamento laterale di Piazza Affari. Sul listino italiano gli operatori si stanno muovendo con prudenza. È una caratteristica che accomuna tutte le principali Piazze europee. L’allargarsi dei contagi e l’inasprirsi delle misure di contenimento del Covid, sono di ostacolo alla ripresa dell’economia nella UE, che sembra allontanarsi.

Purtroppo a pagare saranno i Paesi meno attrezzati a reggere una crisi prolungata in attesa di un rimbalzo che tarda a venire. È il caso della nostra economia. I nostri dati sulla crescita dell’ultimo trimestre sono poco incoraggianti.

Scopri i vantaggi del trading con il leader nel settore
Se riesci a individuare le opportunità quando gli altri non le vedono, noi ti aiuteremo a sfruttarle nel modo migliore.

Scopri di più

Per ora la Borsa di Milano tiene, al pari delle altre Borse europee. Ieri tutte le principali Piazze azionarie hanno ceduto solamente di qualche decimo di punto. Gli operatori sembrano rimanere alla finestra per capire quale può essere l’evoluzione per le prossime sedute. Si respira un clima di incertezza e di prudenza. E questi saranno i due sentimenti che condizioneranno la seduta di oggi in Borsa a Milano.

Lo spread tra BTP e Bund ha rialzato la testa

Da noi, qualche scricchiolio in più rispetto agli altri mercati finanziari, si comincia ad avvertire sul mercato dei tassi di interesse. Ieri il differenziale di rendimento tra BTP e Bund è salito del 6%. Sicuramente influenzato dal monito sul nostro debito pubblico lanciato dalla agenzia di rating Moody’s e dalle incertezze politiche.

La seduta di ieri ha visto i prezzi dell’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB),  chiudere sotto la trend line di brevissimo termine che passa per i minimi del 21 dicembre e del 5 gennaio. Questo non è un bel segnale per le prossime sedute della settimana.

Un segnale di forza arriverebbe se oggi i prezzi avessero la capacità di riportarsi sopra 22.800 punti e magari spingersi fino a 23mila punti. Al ribasso, il supporto da non violare è quota 22.500 punti. Una discesa dei prezzi sotto questo livello riporterà l’indice Ftse Mib a 22.200 punti.

Approfondimento

Questa l’analisi multidays e il punto sui mercati internazionali dell’Ufficio Studi di ProiezionidiBorsa.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te