I deliziosi legumi meno conosciuti che dalla letteratura arrivano direttamente sulle nostre tavole

Ceci, lenticchie, fagioli, quando pensiamo ai legumi sono questi i primi a venirci in mente. C’è, però, un legume meno conosciuto che molti hanno sentito nominare a scuola.

Sono molti a ricordare quali erano i preziosi prodotti che i Malavoglia di Verga cercavano di vendere. Ebbene sì, stiamo parlando proprio dei lupini. Ecco i deliziosi legumi meno conosciuti che dalla letteratura arrivano direttamente sulle nostre tavole.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Cosa sono i lupini

Molti di noi, probabilmente, non hanno nemmeno mai visto i lupini. La pianta del lupino è il “lupinus albus”, diffuso principalmente nell’area del Mediterraneo. Questa pianta produce i lupini, che sono un cibo molto diffuso ancora oggi in alcune regioni di Grecia, Egitto, Spagna e Portogallo.

Questo legume, inoltre, era ben conosciuto anche in antichità tant’è vero che se ne hanno testimonianze anche nell’Antica Roma.

I lupini sono molto salutari e sono ricchi di proteine, omega 3 e omega 6 e acido oleico. Nonostante la loro bontà e i loro benefici, i lupini sono spesso soppiantati dagli altri legumi più celebri.

Per tornare ad assaporare questo cibo, ecco come prepararli.

Come preparare i lupini

I deliziosi legumi meno conosciuti che dalla letteratura arrivano direttamente sulle nostre tavole possono essere gustati con questa ricetta.

A differenza degli altri legumi, i lupini sono spesso consumati come snack. Non richiedono, quindi, particolari cotture e preparazioni. Chi acquista i lupini, già pronti, in barattolo, non deve far altro che sciacquarli e assaporarli. È, tuttavia, importante eliminare la pellicina che li ricopre! Questa può essere rotta rompendo delicatamente il lupino e poi rimossa a mano.

Chi, invece, acquista i lupini secchi deve fare attenzione a ridurre il gusto amaro tipico di questi legumi. Come prima cosa bisogna tenere i lupini in ammollo circa 24 ore. Aumentando o riducendo l’ammollo bisognerà aumentare i tempi di cottura

Passato questo lasso di tempo, i lupini vanno fatti bollire finché morbidi. In questa fase sono, però, ancora amari. Bisogna, infatti, immergere di nuovo i lupini in acqua insieme a circa 30 gr sale per circa tre giorni, cambiando l’acqua e il sale ogni giorno.

E voilà, i lupini saranno pronti per essere mangiati come snack goloso e salutare.

Consigliati per te