I consigli per scegliere il bagnoschiuma che fa meno male alla nostra pelle e all’ambiente

Sugli scaffali dei supermercati ce ne sono di tutti i tipi e di tante marche, per pelli secche o grasse, idratanti e nutrienti.
In realtà, qualsiasi tipo di docciaschiuma resta a contatto con la pelle troppo poco tempo, affinché possa agire e apportare i benefici che ci indica. Per questo motivo i danni provocati dal loro utilizzo, si ripercuotono in misura maggiore sull’ambiente.
In questo articolo spieghiamo i consigli per scegliere il bagnoschiuma che fa meno male alla nostra pelle e all’ambiente.
Un’associazione per la tutela dei consumatori, Altroconsumo, ha redatto una lista di sostanze degli ingredienti di cui i bagnoschiuma sono generalmente composti, e che sarebbe meglio evitare per proteggere al meglio la nostra pelle e l’ambiente.

Ecco i consigli per scegliere il bagnoschiuma che fa meno male alla nostra pelle e all’ambiente

Elenchiamo le sostanze che sarebbe opportuno evitare secondo Altro consumo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Il BHT

È un antiossidante utilizzato per non far avariare il prodotto, è molto tossico per l’ambiente acquatico. Il Cosmetic Ingredient Review (CIR) ha stabilito dei limiti di dosaggio ( 0,5 per cento max) poiché questa sostanza, ad alti livelli potrebbe rivelarsi tossica e irritante per la pelle e le mucose.

Methylchloro isotiazolinone, methyltiazolinone

Sono conservanti molto tossici per l’ambiente e possono creare reazioni indesiderate. Sono vietati nei cosmetici che non prevedono risciacquo.

Dmdm, hydantoin, imidazolidinyl e diazolidinyl

Queste sostanze entrano a contatto con l’acqua e rilasciano formaldeide. Negli ultimi anni si è scoperto che il formaldeide è tossico, tanto da essere classificato come cancerogeno di tipo 1B e che può provocare il cancro. Per questo motivo, la legge ha fissato una soglia massima di formaldeide residua nei cosmetici, cioè dello 0,2%.

Disodium tetrasodium Edta

Per attivare meglio il potere lavante dei tensioattivi, questa sostanza cattura le particelle metalliche che si trovano nell’acqua. È tossica per gli organismi presenti nell’acqua e nociva se ingerita accidentalmente.

Petrolatum paraffinum e dimetichone

Sono dannosi per l’ambiente poiché poco biodegradabili.

Limonene benzyl benzoate geraniol

Sono profumazioni sensibilizzanti, specialmente in quei prodotti dove appare la dicitura ‘leave on’, cioè che rimangono sulla pelle. Sono tossiche per gli organismi acquatici.

Cocamide, meavo dea

Emulsionante, tossico per gli organismi acquatici.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te