Ha il profumo dell’estate questo dolce al cucchiaio che si prepara senza panna e mascarpone ma con un ingrediente freschissimo

La colonnina di mercurio sale, il sudore gocciola impietoso lungo la schiena e noi cerchiamo tutti i mezzi a nostra disposizione per fronteggiare l’afa. Un modo è sicuramente l’alimentazione. Bere tanto e mangiare cibi freschi e leggeri sono sicuramente dei rimedi efficaci. E allora andiamo a caccia di piatti golosi ma di facile digestione e soprattutto rinfrescanti. Non abbiamo molta voglia di stare ai fornelli e controlliamo anche che siano di preparazione veloce. Oggi con gli Esperti di Cucina della Redazione abbiamo cercato, anche nella tradizione più antica, delle ricette che rispondessero a questi requisiti.

Un’antica ricetta araba

Appartiene all’antica tradizione siciliana il biancomangiare, un goloso e fresco dolce al cucchiaio diffuso anche in Francia e in Catalogna. Di origine araba è a base di latte di mandorla, una morbida mousse che si scioglie in bocca. Nella ricetta originale il latte di mandorla si preparava a casa lasciando le mandorle in macerazione nel latte per 12 ore. Noi useremo quello già pronto.

Ingredienti:

  • 1 l di latte di mandorla non zuccherato;
  • 200 g di zucchero;
  • 100 g di maizena;
  • cannella in polvere q.b.;
  • buccia di un limone non trattato;
  • granella di pistacchi;
  • mandorle in scaglie.

Ha il profumo dell’estate questo dolce al cucchiaio che si prepara senza panna e mascarpone ma con un ingrediente freschissimo

In un tegame capiente setacciamo la maizena e poi versiamo lo zucchero e la cannella. Mescoliamo bene per amalgamare gli ingredienti. Ora versiamo a filo il latte di mandorla facendo attenzione a non formare grumi. Se il latte di mandorla è già dolcificato non occorre aggiungere lo zucchero.

Tagliamo sottilmente la buccia del limone in modo da non prendere la parte bianca che ha un sapore amarognolo e la aggiungiamo al composto. Facciamo cuocere dolcemente senza smettere di girare per evitare la formazione di grumi. Prima che il composto raggiunga l’ebollizione, eliminiamo la buccia di limone e continuiamo a cuocere per far addensare la crema. Occorreranno circa 8 minuti.

Ora prendiamo uno stampo da budino, lo bagniamo rapidamente all’interno e vi versiamo la crema. La lasciamo raffreddare e poi la poniamo in frigorifero per almeno 4 ore, meglio per un’intera notte. Per semplificare questa operazione si possono usare stampini monoporzione che è sufficiente lasciare in frigorifero per 1 ora circa.

Trascorso questo tempo, capovolgiamo lo stampo in un piatto da portata e decoriamo il biancomangiare con granella di pistacchi e mandorle in scaglie. Per una versione più golosa si possono aggiungere scaglie di cioccolato fondente oppure miele. Ha il profumo dell’estate questo dolce al cucchiaio fresco e squisito.

Lettura consigliata

Invece di grigliare le melanzane o cucinarle al forno ecco una salsa speziata per arrosto di carne o di pesce e squisita sulle bruschette

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te