Guadagnare comprando titoli sottovalutati a Wall Street

È ormai innegabile che a Wall Street si respiri aria di grande ottimismo. Ma nell’attuale scenario è possibile guadagnare comprando titoli sottovalutati? La risposta è sicuramente affermativa e capiremo il perché. Innanzitutto in una strategia di trading profittevole è importante, oltre al bilanciamento dei pesi nel portafoglio, acquistare azioni dall’alto potenziale. E quali possono essere più appetibili se non quelle che per definizione sono considerate sottovalutate?

Cosa si intende per azioni sottovalutate

Uno degli errori in cui sempre più spesso capita di incappare è la valutazione positiva di un titolo azionario basandosi esclusivamente sulla sua “fama”, ovvero il suo essere riconosciuto unanimemente come importante e anche performante. Ma per guadagnare in borsa è necessario attuare strategie leggermente più complesse, che prevedono magari un’attenta analisi dei fondamentali aziendali. È proprio questo fattore che segna la differenza tra un titolo sopravvalutato ed uno sottovalutato.

Benjamin Graham e “The Intelligent Investor”

Sono stati numerosi i libri che hanno puntato l’attenzione sulle azioni sottovalutate. Un esempio su tutti è The Intelligent Investor di Benjamin Graham, che tra l’altro ebbe una grossa influenza sulle scelte di portafoglio di un giovanissimo Warren Buffett. Nello specifico Graham ha analizzato 3 principi fondamentali: analisi nel lungo termine, protezione dalle perdite e abbandono delle strategie che puntano solo a profitti speculativi immediati. Insomma una sorta di vademecum che a detta di Buffett è il miglior libro sugli investimenti di tutti i tempi.

Come guadagnare comprando titoli sottovalutati a Wall Street?

Per definizione un titolo è sottovalutato quando il suo prezzo è significativamente inferiore al suo valore intrinseco. Valore intrinseco che diventa quindi l’ago della bilancia ed è rappresentato da tutti quei fattori come cash flow, fondamentali aziendali, report sulle trimestrali e potenza di acquisto. E in effetti, andando a guardare bene, a Wall Street ci sono parecchi titoli sottovalutati.

Un titolo sottovalutato a Wall Street: Intel Corporation

Prendiamo come esempio le azioni del colosso tecnologico Intel Corporation (INTC), di cui abbiamo già analizzato specifiche caratteristiche in questo articolo.

Grafico Intel Corporation su base annuale

Storico Intel

Come è possibile vedere dal grafico, Intel ha avuto un crollo verticale tra aprile e maggio. Il prezzo delle sue azioni al momento si attesta sui 58$ e, sebbene non ai livelli dell’agosto del 2000, questo prezzo rappresenta comunque il suo massimo annuale. L’analisi che andrebbe fatta sul titolo a questo punto è che l’andamento e il prezzo, in realtà non rispecchiano il DNA della compagnia californiana, che ha invece solidissime fondamenta e potenzialità incredibili. Basta dare un’occhiata qui sotto.

Tabella Earning per Share Intel Corporation

Un titolo di un’azienda che ha 260 miliardi di Market Cap e trimestrali tutte positive deve essere necessariamente considerato sottovalutato. Per questo motivo la strategia di trading da attuare potrebbe essere quella di investire in Intel Corporation con un’ ottica esclusivamente long term, come del resto ci ha insegnato il mito Warren Buffett.

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.