Grecia e aiuti

Si apre oggi un eurogruppo straordinario sul tema dello sblocco degli aiuti alla Grecia dopo che il governo di Atene ha varato, tra gli scontri, una serie di misure di austerity volte appunto allo sblocco della trance da 3.5 miliardi di euro.

Con il voto in extremis ieri sera Atene ha approvato tutte le richieste dei creditori internazionali: tuttavia il dialogo oggi sarà incentrato sulle misure straordinarie sulla ristrutturazione del debito fortemente volute dal Fondo Monetario Internazionale, ma altrettanto vivacemente opposte dalla Germania.


blank

Nonostante la rilevanza del tema, la questione sembra non pesare eccessivamente sui mercati azionari del Vecchio Continente, tutti sostanzialmente in territorio positivo con l’eccezione di Milano, zavorrata dal comparto bancario.

Dopo la tornata elettorale della settimana scorsa nel Regno Unito che ha consegnato le chiavi di Londra al laburista Kahn e che allo stesso tempo ha segnato l’arretramento del partito guidato da Corbyn in Scozia e Galles, gli schieramenti riordinano le truppe in vista del prossimo decisivo passaggio elettorale del 23 Giugno sul referendum che potrebbe decidere le sorti del travagliato matrimonio tra Londra e Bruxelles.

La battaglia fino ad ora è stata piuttosto accesa e ha visto schierarsi varie posizioni a favore e contro il “brexit”, ma sarà questa settimana che scenderanno in campo i veri pesi massimi a favore del mantenimento del rapporto con l’Unione Europea tra cui il governatore della Bank of England Mark Carney, il ministro delle scacchiere Osborne e il direttore del FMI Lagarde che metteranno sul piatto veri e propri carichi da 90 per mantenere Londra all’interno dell’Unione.

 

Market Movers

01:50 Giappone Pubblicazione verbali riunione politica monetaria BOJ

07:00 Giappone Fiducia consumatori cons. 41.7 prec. 41.7

08:00 Germania Ordinativi industriali m/m cons. 0.7% prec. -0.8%

09:30 Regno Unito Indice prezzi case Halifax a/a cons. 9.6% prec. 10.1%

11:10 Eurozona Discorso Constancio (BCE)

11:10 Stati Uniti Discorso Evans (FED)

15:00 Euroona Discorso Coeure (BCE)

19:00 Stati Uniti Discorso Kashkari (FED)

 

EURUSD

Continua il percorso laterale per la moneta unica in prossimità di quota 1.14 nel rapporto con il biglietto verde. La volatilità sui dati sul mercato del lavoro statunitense sembra esaurirsi in attesa di maggiori sviluppi sul fronte europeo che comunque in mattinata fanno registrare buoni risultati con gli ordinativi industriali in Germania in deciso aumento. Attenzione comunque al permanere delle quotazioni di EURUSD all’interno del range tra 1.1370 e 1.1420, livelli alla cui violazione potrebbe seguire un’estensione del trend.

 

GBPUSD

Continua il percorso di arretramento della sterlina inglese che torna a scambiare a quota 1.4390 in apertura dei mercati europei dopo che la settimana si è aperta in territorio positivo per l’indice inglese nonostante il risultato contrastato dopo la tornata elettorale della settimana scorsa. I dati usciti in mattinata sull’indice dei prezzi della case hanno fatto registrare un risultato particolarmente deludente con conseguente ulteriore arretramento della sterlina inglese.

 

USDJPY

Dopo la lunga serie di festività della Golden Week in Giappone, il mercato azionario torna a respirare con l’indice Nikkei della borsa di Tokyo che chiude a +0.68% con un sensibile arretramento dello yen nei confronti del biglietto verde che torna a scambiare anche in apertura dei mercati europei a quota 107.50 con il clima in Europa che porta al consolidamento dei listini del Vecchio Continente.

 

 

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te