Grazie ad una idea geniale questa donna ha trasformato la plastica in un tesoro

E se la plastica potesse diventare oro? Non letteralmente ovviamente, ma riutilizzandola per qualcosa di semplice, utile e immediato. Se lo deve essere chiesta l’imprenditrice del Kenya Nzambi Matee, prima di fondare la startup che l’ha resa famosa.

Grazie ad una idea tanto semplice quanto geniale questa donna ha trasformato la plastica in un tesoro e in un’opportunità di lavoro. Contribuendo allo stesso tempo a ridurre l’enorme problema di inquinamento che affligge il Kenya e la città di Nairobi in particolare. Ed ecco che bottiglie, oggetti usa e getta, rivestimenti plastici e altri rifiuti sono diventati materiale da costruzione.

Grazie ad una idea geniale questa donna ha trasformato la plastica in un tesoro

Il concetto è semplice: fare mattoni partendo dalla plastica. Ma il procedimento ha la sua complessità: si deve raccogliere una grande quantità di materiale, ripulirlo, sminuzzarlo. A questo punto la plastica viene mescolata a sabbia e “impastata” ad alte temperature.

Una volta raggiunta la giusta consistenza si pressa il materiale in appositi stampi, per ottenere una delle tre misure di mattoni che l’azienda produce. Mattoni che poi verranno usati per creare pavimenti, coperture e rivestimenti per esterni a basso prezzo.

Meglio del calcestruzzo

La cosa più sorprendente è che i mattoni e le piastrelle realizzati con questo metodo hanno molti vantaggi rispetto al calcestruzzo tradizionale. Tanto per cominciare sono più leggeri, e quindi più facili da trasportare.

Inoltre produrli è molto più economico e permette di offrire lavoro a più persone , creando un effetto positivo sull’economia locale. Infine questo tipo di plastica riciclata è molto più resistente e duraturo, e si logora molto meno con il passare del tempo.

Grazie alla sua idea incredibile Nzambi ha vinto pochi mesi fa il premio Young Champions of the Earth delle Nazioni Unite. Inoltre a oggi la sua startup ha già riciclato più di 20 tonnellate di plastica in Kenya.

Consigliati per te