Grandi e piccini felici con le dolci pecorelle ripiene della tradizione marchigiana 

Oggi presentiamo un dolce tipico della località di Corinaldo, in provincia di Ancona. Secondo la tradizione va preparato il 5 gennaio per decorare la cosiddetta palma della Befana. Si tratta di un ramo d’albero da allestire, magari in prossimità del caminetto, con mandarini, arance, caramelle, cioccolatini, giocattoli e questi dolci tipici. Dunque, per l’Epifania facciamo felici grandi e piccini felici con le dolci pecorelle ripiene della tradizione marchigiana.

Vediamo l’occorrente in cucina

Ingredienti per il ripieno:

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

a) 1 l di mosto;

b) 400 gr di noci;

c) 100 gr di zucchero;

d) 70 gr di pangrattato;

e) 1 cucchiaino di cannella;

f) la scorza grattugiata di tre arance e un limone;

Ingredienti per la sfoglia:

a) 1 kg di farina tipo 0;

b) 150 gr di zucchero;

c) 1 bicchiere di olio evo;

d) 1/2 bicchiere di mosto;

e) zucchero a velo q.b.

Grandi e piccini felici con le dolci pecorelle ripiene della tradizione marchigiana

Prepariamo il ripieno in largo anticipo. Cominciamo tritando i gherigli di noce e grattugiando la scorza degli agrumi. Versiamo il tutto in un pentolino con il mosto e lo zucchero, il pangrattato e la cannella. Procediamo, su una fiamma bassa, mescolando in continuazione, fino a che il composto non si staccherà dalle pareti. Facciamo riposare e raffreddare, per qualche ora, anche tutta la notte se è possibile.

Setacciamo la farina e mescoliamola in una ciotola con lo zucchero. Disponiamo il tutto su una spianatoia a fontana e prepariamo l’impasto aggiungendo l’olio e il mosto. Lasciamo riposare l’impasto, sodo e liscio, per 1 ora.

Trascorso questo tempo, stendiamo la pasta sottile con il mattarello e ricaviamo dei rettangoli di 12 cm di lunghezza. Componiamo, con le mani infarinate, un cucchiaio colmo di ripieno che disponiamo all’inizio di ogni rettangolo. Rotoliamo la sfoglia su se stessa e pieghiamola a mezza luna. Procediamo col pizzicare  la superficie dei dolcini, aiutandoci con delle forbici.

Foderiamo una teglia con carta da forno e disponiamoci le pecorelle, da infornare a 180°, per circa 1 ora. Una volta raffreddati, spolveriamo questi dolci ripieni, con zucchero a velo e serviamoli con una fumante e profumata tazza di tè.

Infine, in quest’altro articolo illustriamo la ricetta dei biscotti brutti ma buoni.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te