Goldman Sachs accende i riflettori su Mps

 Anche Goldman Sachs, dopo Equita, tiene d’occhio Banca Monte Paschi (MIL:BMPS), che ieri ha chiuso in rialzo a Piazza Affari, del 2,69% a 1,376 euro per azione. C’è stato l’ok della Commissione Europea al maxi trasferimento di 10 miliardi di crediti deteriorati in sofferenza ad Amco (controllata al 100% dal Tesoro). Il superamento di questo scoglio, tema caldo nei giorni scorsi,  convince gli analisti di Goldman Sachs, che hanno alzato il target price da 0,95 a 1,30 euro.

Acquisti prudenti

Goldman Sachs accende i riflettori su Mps, ma con prudenza: la raccomandazione è ancora neutral, perché si attende un altro via libera dalla Bce. Entro qualche mese sarà possibile ridurre l’Npe ratio di Mps dal 13,2% al 2,1%, con un transfer price vicino ai valori di mercato. Dunque investimenti si, ma senza aspettative di brevissimo termine.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Due scialuppe, prima di Natale

Goldman Sachs accende i riflettori su Mps, in anticipo: se si procederà senza intoppi, entro fine anno il governo potrebbe ricapitalizzare la banca senza ‘burden sharing’. Vale a dire senza rifinanziare con una condivisione degli oneri tra azionisti o creditori subordinati, secondo la procedura prevista dalla normativa vigente fin dal 2015. Ma il governo potrebbe puntare anche alle ‘mani libere’ sulla banca (che oggi controlla circa il 70%). Per essere pronti alle grandi manovre, insomma, è ora di mettersi in acquisto.

Nel futuro, una fusione?

Goldman Sachs accende i riflettori su Mps, pensando a un M&A: la riduzione dei requisiti patrimoniali renderebbe Rocca Salimbeni più attraente per una fusione e un gruppo bancario. E qui abbiamo già capito a cosa servono i gran sorrisi della Merkel e Macron con il nostro premier Conte. Dopo aver ideato un maxipiano con sovvenzioni a favore dei Paesi più colpiti dal Covid-19, pretenderanno le ‘riforme’, un termine che significa ‘più fatti e meno sentimentalismi’. Anche per le acquisizioni bancarie in Italia, si capisce. Quando dal Nord scenderanno i colossi del credito. Ed è per questo che, nonostante il Covid-19, Banca Intesa non ritira (per ora) l’offerta su Ubi.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te