Gli ostacoli che potrebbero fermare la corsa del Dow Jones verso area 40.000

Mentre le quotazioni continuano ad aggiornare i nuovi massimi storici, cerchiamo di individuare gli ostacoli che potrebbero fermare la corsa del Dow Jones verso area 40.000. Un obiettivo cui abbiamo spesso parlato nei precedenti articoli e che col passare delle settimane diventa sempre più probabile.

Anche nei migliori rialzi, però, ci sono brevi ritracciamenti che possono rappresentare occasioni di acquisto. Andiamo, quindi, a individuare quali sono i livelli sui quali potremmo assistere a veloci ribassi.

Gli ostacoli che potrebbero fermare la corsa del Dow Jones verso area 40.000 secondo l’analisi grafica

Il Dow Jones (clicca qui per le quotazioni) ha chiuso la seduta del  4 dicembre a quota 30.218,26 in rialzo dello 0,83% rispetto alla seduta precedente. La variazione settimana su settimana è stata del +1,03%.

Time frame giornaliero

La tendenza in corso è rialzista e al momento non si intravedono grossi pericoli all’orizzonte. Dopo avere rotto la resistenza intermedia in area 30.070 le quotazioni in sono dirette verso area 30.960 (II obiettivo di prezzo). Questo livello potrebbe far scattare prese di beneficio e permettere l’ingresso a prezzi più bassi prima della ripartenza verso  area 33.430 (III obiettivo di prezzo). Da notare che lo Swing Indicator continua a restare saldamente rialzista.

Solo una chiusura giornaliera inferiore a 28.560 metterebbe in crisi lo scenario rialzista.

dow jones

Dow Jones: proiezione rialzista in corso sul time frame giornaliero. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame settimanale

Anche sul settimanale il livello chiave passa per area 28.560. Una chiusura settimanale sotto questo livello aprirebbe le porte a un’inversione ribassista.

Intanto la settimana appena conclusasi ha visto la rottura della resistenza intermedia in area 30.060, per cui non ci sono più ostacoli lungo il percorso che porta la II obiettivo di prezzo in area 30.970. Questo livello potrebbe far scattare prese di beneficio e permettere l’ingresso a prezzi più bassi prima della ripartenza verso  area 33.400 (III obiettivo di prezzo). Lo Swing Indicator continua a restare saldamente rialzista.

Da notare che sul settimanale e il giornaliero i livelli da monitorare sono molto simili.

Dow Jones

Dow Jones: proiezione rialzista in corso sul time frame settimanale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

Sul mensile, almeno per il momento, non si intravedono grossi pericoli. Con la chiusura di novembre sopra l’importante livello in area 29.072,5 euro ci sono i presupposti per il raggiungimento degli obiettivi indicati in figura. In caso contrario si potrebbe scendere fino in area 26.032.

Solo una chiusura mensile inferiore a 26.032,6 farebbe invertire al ribasso la tendenza in corso di lungo periodo.

dow jones

Dow Jones: proiezione rialzista in corso sul time frame mensile. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te