Gli insetti dei tessuti rischiano di rovinare per sempre biancheria, capi d’abbigliamento e tappeti ed ecco come riconoscerli ed eliminarli naturalmente

Appena terminato il cambio di stagione ci accorgiamo che molti dei nostri vestiti presentano piccoli buchi su tutta la superficie. Sicuramente trovare il nostro vestito estivo preferito tutto bucherellato non è piacevole. Ancor peggio se anche gli altri abiti sono rovinati.

Avremo capito subito che il problema deriva da un’invasione dei cosiddetti insetti dei tessuti. Questi microscopici animaletti golosi di fibre sono in grado di deturpare silenziosamente tutti i capi presenti nel nostro armadio. Infatti, la gran parte delle volte ci si accorge della loro presenza troppo tardi.

Allora come fare per prevenire i loro attacchi? Come riconoscerli prima che sia troppo tardi? Se questo disguido ci è capitato già più volte è arrivato il momento di risolverlo definitivamente. Quando gli insetti dei tessuti rischiano di rovinare per sempre biancheria e altri capi d’abbigliamento possiamo mettere in atto alcune pratiche per eliminarli.

In questo caso si tratta di soluzioni naturali capaci anche di prevenire l’arrivo di questa tipologia d’insetti. Ma vediamo nello specifico quali sono le specie da temere.

Quali sono gli insetti mangia tessuti

Non solo le più conosciute tarme si nutrono di fibre di tessuto. Infatti, esistono altri insetti appartenenti soprattutto alla famiglia dei coleotteri che sono ghiotti di cheratina. Questa sostanza è contenuta in buone quantità nei tessili naturali di origine animale quali lana, seta, mohair ma anche cuoio. Ecco perché li ritroviamo a fare scorpacciate dei nostri abiti.

Il divoratore più conosciuto è la tarma che appartiene alla famiglia dei lepidotteri ed è dannosa per gli indumenti. Questi animali si riproducono tanto velocemente da diventare una piaga in poco tempo. Molto piccoli e difficili da vedere, si riconoscono per la loro colorazione bianca e la testa marrone.

Un altro tipo di tarma è di colore nero e ama particolarmente i capi in cotone e pelliccia. Poi abbiamo la tignola, che predilige tappeti, arazzi, feltri e pellicce ed è la più grande tra questi insetti. Un altro coleottero è l’antreno che ha larve invisibili ma super dannose. Per finire citiamo i pesciolini d’argento, capaci di divorare non solo tessuti ma anche carta, colla etc.

Gli insetti dei tessuti rischiano di rovinare per sempre biancheria, capi d’abbigliamento e tappeti ed ecco come riconoscerli ed eliminarli naturalmente

Come possiamo eliminare il gravoso problema degli insetti del tessuto per sempre? Le soluzioni sono svariate. ma il suggerimento di oggi prevede di creare una sorta di combo tra esse. Inizieremo col miscelare 250 ml di aceto bianco, 1 litro d’acqua, 2 rametti di lavanda e 1 di menta da lasciare macerare insieme. Dopo 24 ore minimo, il liquido ottenuto può essere filtrato e utilizzato per trattare cassetti e ripiani. Utili sono anche gli olii essenziali da distribuire all’interno dei cassetti.

Lettura consigliata

Niente deodoranti chimici e lavanda, per profumare a lungo armadi e cassetti evitando naturalmente l’odore di chiuso basta quest’economico oggetto di riciclo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te