Gli errori che tutti commettiamo credendo che ci aiutino a smaltire una sbornia

A molti è capitato di alzare un po’ troppo il gomito. Una serata in compagnia più un vino che ci piace particolarmente, il risultato è una sonora sbornia: nausea, pallore e cerchi alla testa. Lo sbornia non è mai piacevole.

Vediamo insieme gli errori che tutti commettiamo credendo che ci aiutino a smaltire una sbornia. Sì, perché vari sono i rimedi che crediamo ci aiutino a smaltirla il più rapidamente possibile, ma funzioneranno davvero?

Gli errori che tutti commettiamo credendo che ci aiutino a smaltire una sbornia

Ci sono un mucchio di rimedi contro la sbornia, spacciati come validi ma che in verità sono poco più che placebo.

Il primo è senza dubbio quello che suggerisce di bere caffè. La caffeina passa per essere il primo rimedio della nonna efficace contro una notte brava. In verità quando si bevono troppi alcolici accade che l’alcol entra in circolo nel nostro corpo attraverso il sangue. Bere caffè può darci la sensazione di essere più vigili e attivi, ma non diminuirà il tasso di alcol presente nel sangue. In poche parole, non ci renderà più sobri.

Allo stesso modo, mangiare una banana non ci salverà. In generale, bisogna mangiare prima di bere; mangiare una volta che l’alcol ha fatto il suo effetto non ci aiuterà in alcun modo.

Per lo stesso motivo, fare una doccia fredda, tentare di provocare il vomito o fare sport non serviranno a nulla. Nessuna di queste attività diminuirà il tasso alcolico nel sangue, unico parametro che determina la sbronza.

Cosa fare per superare realmente l’ubriacatura

Se tutte le soluzioni che avevamo in repertorio in verità non danno alcun vantaggio, cosa fare? C’è un unico metodo infallibile per superare la sbornia: attendere.

Il corpo ha i suoi tempi e nessuno può affrettarli. Quello che dobbiamo fare è concederci una lunga notte di sonno profondo. Aiuta certamente mantenersi idratati: bere molta acqua sia prima di andare a dormire che al risveglio. Se al mattino abbiamo ancora il tipico mal di testa, prendiamo un farmaco, evitando quelli che contengono paracetamolo (più pesanti per il fegato).

Consigliati per te