Gambe e piedi doloranti che non stanno mai fermi durante la notte potrebbero essere il sintomo di questa fastidiosissima sindrome

L’insonnia è un disturbo che si verifica quando si ha difficoltà ad addormentarsi ed è un problema diffusissimo, soprattutto negli anziani.
Restare svegli nel letto durante la notte è una delle sensazioni più spiacevoli che si possano provare. Inoltre, questo va ad influire notevolmente anche sulla qualità della vita, perché non ci sente mai riposati, alimentando stress ed ansia.

In questo articolo parleremo di una sindrome che potrebbe influire pesantemente sulla qualità del sonno e che non tutti conoscono.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Infatti, gambe e piedi doloranti che non stanno mai fermi durante la notte potrebbero essere il sintomo di questa fastidiosissima sindrome

La sindrome delle gambe senza riposo, o malattia di Willis-Ekbom, è un disturbo neurologico, che colpisce almeno 1 persona su 10, soprattutto di mezza età.

I pazienti che ne soffrono sperimentano, solitamente durante la notte, una sensazione di fastidio alle gambe con l’urgente bisogno di muoverle. In alcuni soggetti questo disturbo si verifica occasionalmente, mentre altri potrebbero avvertirlo anche ogni giorno. Nei casi più gravi, questa malattia potrebbe compromettere seriamente la qualità del sonno provocando pesanti stati di stress, ansia e depressione.

Queste sensazioni, a tratti anche dolorose, sono simili a formicolii o bruciori, percepiti all’interno degli arti interessati, che talvolta sfociano nel prurito. Molte persone, ad esempio, descrivono questo fastidio come se nelle vene delle gambe scorresse l’acqua frizzante.

Le cause della malattia sono attualmente sconosciute, ma diversi studi hanno dimostrato che l’origine potrebbe essere genetica.
Come riporta l’Istituto Superiore di Sanità, alcuni specialisti ritengono che la sindrome delle gambe senza riposo sia associata ad alterazioni a livello della dopamina.
La dopamina è un neurotrasmettitore che, agendo come un messaggero, trasporta informazioni verso specifici neuroni, coordinando così l’azione dei muscoli del corpo.
Tuttavia, quando vi è una ridotta produzione di dopamina, potrebbero manifestarsi spasmi muscolari e movimenti involontari.

Altre cause e fattori scatenanti

Quindi abbiamo visto che gambe e piedi doloranti che non stanno mai fermi durante la notte potrebbero essere il sintomo di questa fastidiosissima sindrome.

Essa però potrebbe comparire anche come complicanza di altre malattie. Fra queste potrebbero esserci il diabete, il morbo di Parkinson, l’artrite, la fibromialgia o l’insufficienza renale.
Oppure potrebbe essere associata ad anemia da carenza di ferro, condizione che solitamente provoca un calo di dopamina.
Oltre a ciò, questo disturbo potrebbe essere un effetto collaterale dovuto all’uso di alcuni farmaci, come antidepressivi, antipsicotici o antistaminici.
Infine, potrebbe comparire in caso di obesità, sedentarietà, stress, o abuso di alcol, fumo di sigarette e caffeina.

Terapie e prevenzione

Nei casi più lievi, quindi non associati ad altre malattie, è importante innanzitutto cambiare il proprio stile di vita. Ad esempio, bisognerebbe smettere di fumare, svolgere regolare esercizio fisico, dormire un numero sufficiente di ore ed evitare farmaci che possano peggiorare la situazione.
Prima di andare a dormire, potrebbe essere utile invece fare un po’ di stretching, leggere, massaggiare le gambe o fare un bel bagno caldo.
In ogni caso, è fondamentale consultare il proprio medico di fiducia per verificare se sia il caso di intraprendere una terapia farmacologica.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te