Furbissimo questo metodo per conservare la cipolla a lungo senza farla germogliare, rendendola anche più digeribile

La cipolla è l’ingrediente fondamentale di tantissime ricette.

Ad alcuni potrebbe sembrare un ingrediente banale, ma senza cipolla i nostri piatti perderebbero grandissima parte del loro sapore. È per questo che, spesso, prima di metterci ai fornelli, la prima cosa che facciamo è tagliarla.

Spesso le persone, però, si chiedono quale sia il posto migliore per conservare le cipolle. Molte persone, infatti, le conservano in barattoli, scatole, o al di sotto del lavandino della cucina, con sistemazioni improvvisate. Altre persone decidono, addirittura, di mettere la cipolla in freezer, quando questa avanza.

La verità è che molte di queste azioni sono sbagliate e rischiano di far marcire le nostre cipolle.

Il freezer è da evitare assolutamente

Il freezer è, di sicuro, il posto più sbagliato per conservare le cipolle. Esattamente come tutti questi alimenti non vanno messi in freezer, così anche le cipolle devono stare ben alla larga da questo luogo.

Il motivo è che, quando si scongeleranno, non saranno più saporite come prima. Il ghiaccio, infatti, si sarà trasformato in acqua e avrà diluito il loro sapore caratteristico.

Per conservare le cipolle avanzate e già tagliate, quindi, sarà meglio metterle in frigorifero, all’interno di contenitori di vetro o di plastica. L’importante è che questi ultimi abbiano dei coperchi ermetici, che impediscano all’odore della cipolla di disperdersi, impattando anche sugli altri alimenti.

Scopriamo, invece, qual è il luogo migliore per riporre le cipolle ancora intere e farle durare anche 2 o 3 mesi.

Furbissimo questo metodo per conservare la cipolla a lungo senza farla germogliare, rendendola anche più digeribile

I nostri nonni erano ben consapevoli del fatto che le cipolle crescono al buio, sottoterra.

Per questo motivo, il luogo ideale in cui tenere le cipolle è buio, e lontano da umidità o acqua. Potremo prevedere, quindi, una sorta di scatola in legno, da sistemare all’interno di un armadio, al riparo dall’ambiente esterno.

Potremo ricoprire questo contenitore con della carta forno, in modo da creare un perfetto rifugio per le nostre cipolle. Questo luogo, infatti, sarà l’ideale per conservare questi bulbi, perché sarà molto simile al luogo in cui si sono sviluppati. Nonostante sia molto semplice, è ottimo e furbissimo questo metodo per conservare la cipolla, anche fino a 3 mesi di tempo.

Sveliamo il consiglio utile per rendere digeribile la cipolla

Passiamo ora a un altro problema che riguarda la cipolla.

Molte persone amano il sapore di questo alimento, ma preferiscono non mangiarlo per diversi motivi. Alcuni, infatti, scartano la cipolla ai lati del piatto, perché temono l’alito cattivo o hanno paura di non riuscire a digerirla.

In realtà, basterebbe aggiungere un semplice ingrediente in cottura per rendere la cipolla immediatamente più digeribile. Si tratta del latte.

Quando prepareremo la nostra ricetta, quindi, dovremo ricordarci di versare un po’ di latte in padella, lasciando stufare il tutto. Questa semplice aggiunta addolcirà il sapore della cipolla, che si scioglierà in bocca quando la mangeremo.

Il risultato sarà davvero efficace e noi non dovremo più privarci di questo buonissimo ingrediente.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te