Fra poche settimane sulle nostre tavole potremo gustare questo frutto dai tantissimi benefici

L’albicocca è un frutto ricco di vitamine, sali minerali e fibre, appartenente alla famiglia delle rosacee.

Essa è ricca di vitamina A, fondamentale per ossa e denti, vitamina C, per la cura della pelle e anche vitamina D.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Vi è anche un’importante presenza di potassio, betacarotene e antiossidanti.

Fra poche settimane sulle nostre tavole potremo gustare questo frutto dai tantissimi benefici, infatti contribuisce alla cura della pelle, della vista e anche del battito cardiaco.

Gli antiossidanti hanno un ruolo importante poiché ostacolano il cosiddetto “colesterolo cattivo”, LDL, contribuendo anche alla salute del cuore.

Grazie alle presenze delle vitamine, l’albicocca fornisce un contributo importante alla cura della vista, in particolar modo alla protezione della retina.

La retina dell’occhio è composta di luteina e zeaxantina, e grazie all’azione antiossidante dell’albicocca è protetta da possibili radiazioni luminose.

Anche importante per la cura della pelle è la presenza di betacarotene, che contribuisce all’idratazione e alla protezione della pelle stessa.

Le albicocche sono un ottimo rimedio contro la stipsi, aiutano la regolazione intestinale e forniscono anche un grande contributo energetico.

Oltre che placare la fame, quindi sono veramente tanti i benefici dell’albicocca.

Fra poche settimane sulle nostre tavole potremo gustare questo frutto dai tantissimi benefici.  Quando e come mangiarla

Ci sono tantissimi momenti e modi per mangiare l’albicocca, a colazione, come spuntino o dopo un pasto.

Può essere servita sia tagliata a fettine, che come frullato o magari all’interno di una crostata. Come dessert a fine pasto o comprare, se non è possibile produrla in casa, la marmellata, magari da spalmare sulle fette biscottate a colazione.

Insomma per gli amanti dell’albicocca sono veramente tantissimi i modi per gustarla e per assimilare i tantissimi valori nutrizionali di cui è composta.

Le albicocche vanno consumate fresche, lasciandole in frigo per tre o quattro giorni.

I supermercati sono forniti anche di albicocche sciroppate o essiccate, al fine di renderle disponibili anche fuori stagione.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te