Forte ribasso ed ora i mercati sono diretti verso supporti di medio termine

A cura di Gian Piero Turletti Autore degli Ebooks: Magic Box e PLT Edizioni Proiezionidiborsa

Allo scadere della finestra ciclico/temporale, di cui parlavo nell’articolo di ieri, i nodi sono venuti al pettine.

Gli indici hanno rotto i riferimenti supportivi, già delineati in precedenti analisi, e si stanno indirizzando verso i secondi supporti dinamici di medio termine, individuati con Magic box.

Questi ultimi non sono individuabili con normali tecniche grafiche o algoritmiche, ma derivano da una particolare applicazione del metodo.

Molto probabilmente gli indici arriveranno ad un test di tali livelli, prima di decidere se lasciare definitivamente la strada dell’up trend, o riprendere quest’ultima.

Il valore di questi livelli, essendo dinamico, varia di giorno in giorno.

Di seguito i livelli per la seduta odierna:

S & P 500: su tale indice si possono individuare due livelli successivi, 2065, poi 1952.

Ftse Mib: 19150.

Eurostoxx: 2927.

Dax: 10214.

Ma quale è stato il fattore scatenante dei ribassi?

Molto probabilmente, la rimonta di Trump nei sondaggi elettorali.

Già diverso tempo fa, avevo evidenziato perché Trump non piaceva ai mercati.

Non tanto per un suo condizionamento sulle politiche della Fed, poco probabile, ma per una serie di altri fattori, che vanno dell’incertezza di certi suoi programmi, ad una chiusura protezionistica dell’economia USA.

Per il momento, comunque, la Clinton è ancora in testa.

L’importante è poter usare modelli di analisi autoadattivi, che si regolino anche in base ai movimenti di mercato, e non solo sulla base di analisi statistiche di serie storiche, proprio come Magic box, per far fronte agli imprevisti dei mercati.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te