Forte impennata a Wall Street. L’aria sta cambiando? I livelli da monitorare

Qualcosa inizia a cambiare e a ridosso del setup annuale che scadrà il 5 luglio, e in un’area temporale dove si attende il minimo annuale e quello decennale, si assiste a una forte impennata a Wall Street. Una rondine non fa primavera, questo è vero, ma ci teniamo a rimarcare che da 2 settimane, il nostro Bottom Hunter ha segnalato la formazione di un minimo rilevante.

Siamno sgli sgoccioli dell sell off? Capiremo di più alla fine di questa settimana.

Procediamo per gradi.

Ribasso vicino al termine. Siamo all’inizio di un nuovo mercato Toro?

In rosso la nostra previsione annuale sull’indice azionario mondiale su scala settimanale per il 2022.

In blu il grafico dei mercati americani alla chiusura del giorno 17 giugno.

I listini americani hanno chiuso la giornata di contrattazione del 21 giugno ai seguenti prezzi:

Dow Jones

30.530,25

Nasdaq C.

11.069,30

S&P 500

3.764,79.

Forte impennata a Wall Street. L’aria sta cambiando? I livelli da monitorare

Dow Jones

Tendenza rialzista di brevissimo fino a quando non si assisterà a una chiusura giornaliera inferiore a 30.074. Rialzi duraturi solo con una chiusura settimanale superiore a 31.145.

Nasdaq C.

Tendenza rialzista di brevissimo fino a quando non si assisterà a una chiusura giornaliera inferiore a 10.974. Rialzi duraturi solo con una chiusura settimanale superiore a 11.245.

S&P 500

Tendenza rialzista di brevissimo fino a quando non si assisterà a una chiusura giornaliera inferiore a 3.636. Rialzi duraturi solo con una chiusura settimanale superiore a 3.839.

Segnale dei nostri Trading Systems

Chiudono gli Short in corso dal 13 giugno e rimangono Flat.

Amazon: il ribasso sta per finire?

Il titolo (NASDAQ:AMZN) ha chiuso la giornata di contrattazione del 21 giugno al prezzo di 108,68 dollari, in rialzo del 2,32% rispetto alla seduta precedente.

La nostra strategia di investimento
Nel breve termine, i prezzi e i nostri oscillatori si sono riposizionati al rialzo, ma si devono attendere ulteriori conferme sul time frame settimanale. Fino a quando non si assisterà ad una chiusura settimanale superiore a 109,06, le quotazioni potrebbero scendere verso minimi inferiori a 100. Proprio intorno a questo livello si è formato una sorta di doppio minimo convalidato per il momento dagli oscillatori. Si vedrà cosa accadrà ai prezzi nei prossimi giorni.

Lettura consigliata

È stata proprio la FED a rompere definitivamente gli indugi nella lotta all’inflazione

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te