Focus economia: il Philly FED dà ragione a Powell

 Nella logorante diatriba tra Powell  e Casa Bianca il focus economia odierno fa ancora una volta pendere l’ago della bilancia dal lato del CEO della FED.

In particolare è stato il Philly FED , prezioso indicatore economico, a segnare un numero di molto superiore alle attese (vedi tabella sottostante).

Dato brillante che ha dato anche un nuovo impulso rialzista alle Borse dove già da un po’ in giornata comunque i compratori si erano rimessi a comprare azioni.

La misura della liquidità disponibile tra QE e tassi americani ai minimi è ben nota per questo ripetiamo da settimane che ogni calo di Borsa è occasione di acquisto.

Focus economia: i principali dati macroeconomici americani di giornata

Richieste di disoccupazione continua 1.695K 1.685K 1.692K
Richieste iniziali di sussidi di disoccupazione 227K 219K 227K
Media delle richieste sussidio di disoccupazione di 4 settimane 221,00K 217,50K
Indice di produzione della Fed di Filadelfia (Nov) 10,4 7,0 5,6
Nuovi Ordinativi Philly Fed (Nov) 8,4 26,2
Vendita di case esistenti (Mensile) (Ott) 1,9% 1,4% -2,5%
Vendite di abitazioni esistenti (Ott) 5,46M 5,47M 5,36M

La potenziale euforia sui mercati è stata poi però frenata dall’accoppiata dei dati sulla disoccupazione finiti entrambi sotto le attese

Rimangono su valori vicini ai minimi storici ma comunque è evento da sottolineare se non in rosso… in rosa.

Nulla di nuovo invece dal fronte…immobiliare. Le vendite di case da settimane giocano a rimpiattino: una avanza e l’atra retrocede ma il saldo rimane comunque confortante.

Dow Jones e Borse tra dati economici e guerra dei dazi

La verità è che il Dow Jones, ma in generale le Borse internazionali sono strette tra il giornaliero focus economia che balla tra dati macro americani mediamente positivi e le uscite della Casa Bianca sul tema dei dazi.

Uscite che, come visto anche oggi, hanno il potere di raffreddare immediatamente il sentiment di mercato e fare sparire la voglia di entrare in Borsa.

In questa diatriba tra orsi e tori alla fine decisivo è il ruolo del terzo incomodo.

O meglio incomoda…

Vale a dire l’ingente montagna di liquidità che le banche centrali hanno irrogato nella finanza internazionale e che solo nelle Borse trova un approdo  appetibile e remunerativo.

Ecco perché, rally o non rally, siamo ancora in un’era dove si può continuare a investire denaro in Borsa sapendo di avere le spalle ampiamente coperte dal sistema.

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.