Finanza e mercati: e ora gestire i soldi in Borsa con lo stock-picking

Analizzando la situazione di finanza e mercati è evidente che ci troviamo a uno snodo importante.

Le Borse debbono decidere se saltare il fosso della ragionevolezza e lasciarsi trasportare nell’”etere” di una bolla dei prezzi o se restare calmierate in un trading range semplicemente un po’ ampliato rispetto agli ultimi mesi.

Occupiamoci dell’ipotesi più ottimistica.

Vale a dire che. magari spinte da una serie di trimestrali americane positive. le azioni possano iniziare a volteggiare verso l’alto.

In queste fasi di passaggio da pre-bolla non tutto ancora sale indistintamente.

E’ meglio averlo ben presente.

Come gestire i soldi in Borsa?

Come scegliere i titoli e i fondi in fase di pre-bolla

Ammesso dunque che siamo nella fase introduttiva di una bolla dei mercati azionari quali i criteri per fare un corretto stock-picking.

Ovvero come scegliere azioni (e/o fondi azionari) con le migliori prospettive?

Mentre sui fondi è importante fare una  prima scriminatura geografica sulle azioni è meglio stare su titoli americani e delle principali Borse europee.

Restando sui fondi comuni di investimento ci  si  concentrerà su USA, Europa e Giappone con una finestra emerging aperta su Cina ed India.

Come fare l’asset allocation

Possiamo impostare un paio di semplici criteri.

Ovviamente i dividendi e i P/E non possiamo ignorarli.

Ma soprattutto daremo peso e importanza alla forza relativa.

Ovvero tenderemo a privilegiare le azioni o i fondi comuni di investimento che approccino questa fase di prezzi sui massimi arrivandovi con grande forza e senza indugi, quindi con le percentuali di crescita sopra la media degli indici.

Attenzione però: nelle fasi di picco dei prezzi la storia di finanza e mercati ci insegna che le rotazioni sono molto rapide quindi almeno il 50% del portafoglio andrà ruotata settimanalmente proprio sui dati delle chiusure settimanali.

Per quanto invece attiene ai fondi, se come spesso accade questo tipo di rotazione non è possibile o risultasse dispersivo come tempistiche, meglio pre-selezionare gestori attivi.

Insomma non ETF a gestione passiva ma fondi attivi in cui i gestori si prendono a loro carico la briga di fare selezione e rotazione dei titoli in portafoglio.

©Riproduzione riservata. Tutti i testi e le immagini sono protetti da copyright di ProiezionidiBorsa

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.