Finalmente spiegato ogni quanto pulire la doccia affinché non diventi un vero paradiso per muffa e germi

Pulire casa non è sicuramente la parte più piacevole della nostra vita quotidiana. Ancor meno è poi pulire il bagno e quelle sue parti che spesso tendiamo a ignorare per giorni e giorni. Nonostante questo, i germi non vanno mai in vacanza e proprio quei punti diventano seri ricettacoli di ogni genere di schifezze.

All’interno del bagno, il posto in cui si accumula maggiormente l’umidità e si sviluppano liberamente i batteri è sicuramente il box doccia. Ma ogni quanto dovremmo pulire questa parte del bagno per essere sicuri di evitare il peggio?

Ecco allora in questo articolo finalmente spiegato ogni quanto pulire la doccia affinché non diventi un vero paradiso per muffa e germi.

I batteri in agguato

Certo, magari l’abbiamo sempre saputo che nella doccia si accumulano un sacco di batteri; ma quanto sono realmente pericolosi? Di tutti i microrganismi potenzialmente nocivi per la nostra salute, i più pericolosi sono i batteri non tubercolari. Questi microrganismi, che in natura difficilmente rappresentano un pericolo per l’essere umano, possono invece essere molto pericolosi quando riuniti in grandi quantità.

Proprio per questo motivo, il pericolo è davvero alto nelle docce poiché questi vi trovano un fantastico terreno di proliferazione, soprattutto nelle tubature. Soffioni e scarico allora diventano un vero e proprio paradiso per questi microrganismi: senza contare che lo stesso si può dire per le altre superfici, come piatto doccia e tenda. Ecco allora perché è davvero importantissima una regolare pulizia di questi elementi del bagno, che altrimenti risulterebbero pericolosi.

Finalmente spiegato ogni quanto pulire la doccia affinché non diventi un vero paradiso per muffa e germi

Onde evitare che questa terribile evenienza diventi realtà, sarà allora utilissimo programmare una pulizia regolare e costante. Per iniziare, dovremmo sempre dare una sciacquata d’acqua fredda subito dopo aver utilizzato la doccia, ancora meglio se accompagnata da una spruzzata veloce di prodotto, magari fatto in casa a base di aceto e limone. In questo modo toglieremo il grosso subito ed eviteremo che si formino incrostazioni.

Una volta alla settimana, poi, dovremmo pulire per bene tutte le superfici piane e verticali: in questo caso basterà un po’ di prodotto e una spugna con un lato abrasivo per assicurarci di mantenere l’igiene.

Infine, almeno una volta al mese bisognerebbe disinfettare il soffione immergendolo in una bacinella d’acqua e prodotto. Allo stesso modo, dove è presente, bisognerà anche togliere la tenda e passarla in lavatrice con una buona dose di igienizzante.

Approfondimento

Facciamo tutti attenzione a questi comuni errori da evitare assolutamente quando si pulisce casa

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te