Finalmente online le attestazioni fiscali per il pagamento degli oneri da riscatto, ricongiunzione o rendita

L’INPS con il messaggio n. 1559 del 15 aprile, informa che sono disponibili le attestazioni fiscali degli oneri versati nel 2020 nel “portale pagamenti”. Finalmente online le attestazioni fiscali per il pagamento degli oneri da riscatto, ricongiunzione o rendita. In particolare, sono visualizzabili e stampabili nel portale dei pagamenti, del sito web dell’INPS.

Nel messaggio è indicato il percorso che l’utente deve eseguire. Ovvero da “Prestazione servizi” accedere a “Servizi”, da lì a “Portale dei pagamenti”, da lì “Riscatti, Ricongiunzioni e Rendite”. Una volta lì, cliccare su “Entra nel servizio”, poi “Accedi”, andare sulla sezione “Sagamenti effettuati” e infine cliccare su “Stampa attestazione”.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Per accedere alla documentazione, dal portale dedicato, bisognerà munirsi del proprio codice fiscale e del numero della pratica composto da 8 cifre. Tale accesso consente di visualizzare e stampare l’attestazione fiscale. Relativa ad una singola pratica di riscatto, ricongiunzione o rendita. Mentre con le proprie credenziali d’accesso, PIN, SPID almeno di livello 2, CIE o CNS, potranno visualizzarsi una o più pratiche.

Finalmente online le attestazioni fiscali per il pagamento degli oneri da riscatto, ricongiunzione o rendita

L’Ente, inoltre precisa che non tutte le attestazioni sono visualizzabili dal portale. Infatti le attestazioni fiscali dei pagamenti effettuati dagli iscritti al fondo pensioni lavoratori dello spettacolo e sportivi professionisti, potranno richiedersi all’indirizzo di posta elettronica polospecialisticopals.roma@inps.it. Allo stesso modo le attestazioni fiscali dei versamenti effettuati ratealmente dagli enti datori di lavoro pubblici per i dipendenti iscritti alle gestioni ex INPDAP. Ciò perché tali enti, quali sostituti d’imposta, operano la deduzione fiscale alla fonte.

Invece, qualora gli interessati abbiano effettuato direttamente i versamenti, potranno visualizzare le attestazioni, seguendo l’indicato percorso. Dalla sezione “Prestazioni e servizi”, cliccare su “Servizi”, da lì “Gestione dipendenti pubblici: servizi per lavoratori e pensionati”. Cliccare poi su “Accedi”, di lì su “Servizi GDP”, andare su “Area Tematica”, poi “Contributi e Versamenti”, “Consultazione” e infine “Versamenti consultazione”. Infine, come precisa l’Ente stesso, qualora dovessero riscontrarsi delle discordanze tra quanto attestato e quanto versato, si potrà sempre richiedere la rettifica del documento.

Approfondimento

Non tutti sanno cosa accade al contratto di locazione se muore il proprietario e cosa fare

Consigliati per te