Finalmente l’INPS comunica la sospensione dei contributi per queste categorie di lavoratori 

L’INPS con la circolare n.16/2021 fornisce indicazioni in merito alla previsione della Legge di Bilancio sulla sospensione dei contributi per le seguenti categorie. La Redazione di Proiezionidiborsa illustra ai Lettori, di cosa si tratta, in particolare, finalmente L’INPS comunica la sospensione dei contributi per queste categorie di lavoratori.

La Legge di Bilancio, infatti, ha previsto la sospensione del versamento dei contributi in scadenza dal primo gennaio al 28 febbraio 2021 per:

  • le federazioni sportive nazionali;
  • enti di promozione sportiva;
  • associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche.

Devono avere domicilio fiscale, sede legale o operativa sul territorio dello Stato e operare in ambito di competizioni sportive, in corso di svolgimento.

La sospensione, in particolare, riguarda sia gli adempimenti informativi, sia i termini per i versamenti dei contributi previdenziali ed assistenziali, in scadenza. Sono comprese le rate in scadenza nello stesso periodo, dal primo gennaio al 28 febbraio 2021, relative a rateazioni di debiti in fase amministrative concesse dall’INPS. Comprese le quote di TFR.

Finalmente l’INPS comunica la sospensione dei contributi per queste categorie di lavoratori

Il versamento dei contributi sospesi dovrà ripartire entro il 30 maggio 2021. I contributi dovranno essere versati in un’unica soluzione entro il 30 maggio 2021, senza l’applicazione di sanzioni o interessi. Ad ogni modo, viene concessa la possibilità di rateizzazione, fino ad un massimo di 24 rate di uguale importo. Anche in questa ipotesi, sugli importi da versare non si calcoleranno sanzioni o interessi, e la prima rata dovrà pagarsi entro il 30 maggio 2021.

Nella circolare, poi, si evidenzia, che i versamenti relativi ai mesi di dicembre 2021 e 2022 dovranno essere effettuati entro il giorno 16 dei predetti mesi.

Inoltre l’INPS comunicherà al Ministero per le Politiche giovanili e lo Sport i dati di coloro che si avvarranno della sospensione dei versamenti. Ciò per verificare la sussistenza dei requisiti richiesti dalla legge riguardanti lo svolgimento di competizioni sportive, così come richiesto dal DPCM di ottobre scorso.

 

Approfondimento

Esenzione del canone TV per le famiglie che la guardano sul computer anche con dichiarazione in ritardo

Consigliati per te