Finalmente autorizzata l’assemblea condominiale online ma la mista già spopola

È stata finalmente autorizzata l’assemblea condominiale online ma la mista già spopola. Novità, infatti, sulla legge 13 ottobre 2020 n. 126 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 253 del 13 ottobre scorso.

È la “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 agosto 2020 n.104, recenti misure urgenti per il sostegno e il rilancio dell’economia”. Ha finalmente inserito, all’articolo 63, la tanto attesa modifica dell’art.66 disp.att.c.c. ammettendo il concetto di assemblea di condominio oltre che dal vivo, anche in streaming.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Questa novità ha fatto tirare un sospiro di sollievo agli amministratori condominiali. A migliaia si trovavano in grossa difficoltà in relazione a spese e decisioni di lavori urgenti, per una miriade di immobili in tutta Italia. Vediamo con gli Esperti di Risparmio e Famiglia di ProiezionidiBorsa cosa comporta questa novità.

Ok allo streaming, ma serve l’assenso

Nella modifica si precisa che, ove non fosse espressamente previsto dal regolamento condominiale, la partecipazione all’assemblea di un condomino può avvenire anche in modalità videoconferenza. Ma serve l’assenso di tutti gli altri. Ma ecco cosa succede.

Alcuni professionisti, temendo qualche pasticcio in ordine alle adunanze organizzate su Meet, WhatsApp e Zoom, preferiscono optare per la formula “assemblea mista”. Vale a dire un pò in presenza e un pò in streaming.

L’adunanza viene convocata, per esempio, presso lo studio dell’amministratore che funge da segretario. Si ritrova in presenza con qualche condomino volenteroso che funge da presidente, per moderare l’adunanza on line.  C’è, ovviamente, posto per qualche proprietario molto anziano che non ha dimestichezza con la tecnologia. Tutti gli altri si collegano volentieri da casa loro.

Occhio alla convocazione: nuovi canali, vecchie forme

Finalmente è autorizzata l’assemblea condominiale online ma la mista già spopola. Naturalmente, le nuove modalità di svolgimento dell’assemblea non prescindono dal rispetto delle vecchie forme.

Anche se sono tutti d’accordo a svolgere la riunione in modalità virtuale, non si potrà deciderlo all’ultimo momento. Va scelta una piattaforma elettronica e bisogna indicare chiaramente il giorno e l’orario dell’assemblea. Ovviamente anche come si fa per accedervi, con tutti i dettagli tecnologici e i preavvisi di legge. Ma bisogna anche scegliere un luogo fisico dove, come già detto, chi lo desideri possa recarsi per assistere dal vivo all’adunanza.

I dilemmi ancora irrisolti

Finalmente è valida l’assemblea condominiale online ma la mista già spopola. Mentre stanno partendo le prime lettere di convocazione per l’assemblea mista, per gli amministratori si preparano altri dilemmi.

Come tutelare i dati personali dei condomini che accedono alla riunione da remoto. E come stabilire l’esatto momento in cui un condomino può essere considerato “partecipante telematico’, tanto da raggiungere il numero legale necessario per alcuni tipi di delibere. Staremo a vedere.

Consigliati per te