Fai sparire i crampi notturni con tiglio e limone

Fai sparire i crampi notturni con tiglio e limone.

Col passare degli anni, la circolazione sanguigna è spesso messa a dura prova. Diventa più facile avvertire crampi notturni: formicolii, bruciori e anche dolori alle gambe e alla schiena. Come migliorare la situazione, quando entrano in gioco anche i cambiamenti fisici? Ecco come migliorare il sonno ed evitare questi risvegli, con i consigli degli esperti della redazione Salute & Benessere di ProiezionidiBorsa.

Un menu leggero, alla serotonina

A cena meglio non mangiare piatti troppo elaborati o molto ricchi di grassi, che richiedono una digestione laboriosa. L’ideale è prediligere il pesce, con verdure e riso. Insieme alle banane, sono alimenti ricchi di un precursore della serotonina, una sostanza che a livello cerebrale induce il sonno e ha un effetto sedativo. Tra la cena e il momento di coricarsi, dovrebbero trascorrere almeno due ore. Se si guarda la televisione, tenere le gambe rialzate per ridurre gonfiori e stanchezza. 

Fai sparire i crampi notturni con tiglio e limone

Per favorire il rilassamento serale, prendere un bagno tiepido oppure fare la doccia con qualche spugnatura fredda, allietati da musica classica. Prima di coricarsi, rinunciare sempre al caffè. Meglio bere una tisana a base di tiglio, che ha proprietà calmanti per la muscolatura, con miele e una fetta di limone. Durante un viaggio si possono assumere, in alternativa, delle compresse alla passiflora o un integratore a base di magnesio. Per i crampi muscolari, tenere in valigia un balsamo a base di un’erbacea tropicale, l’artiglio del diavolo

Lo stretching che concilia il sonno

Fai sparire i crampi notturni con tiglio e limone. Ma è utile integrare con qualche esercizio di stretching. Seduti sul letto, flettere lentamente avanti e indietro prima le dita dei piedi e poi le caviglie. Ripetere, aprendo e chiudendo le dita delle mani e poi flettendo avanti e indietro i polsi. Sempre stando seduti sul letto, mettere un grosso cuscino dietro la schiena. Aprire le gambe e piegarle tenendo le mani lateralmente, appoggiate sul letto. Piegare i gomiti e lasciarsi andare indietro sul cuscino, concentrandosi sul respiro e sull’allentamento della tensione della colonna vertebrale.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te