Facciamo attenzione a questo pericoloso parassita che rischia di distruggere le rose in giardino

Si dice che la rosa sia uno dei fiori più amati al mondo. Un fiore elegante, romantico, con un profumo inebriante e avvolgente. Un perfetto regalo per chi vuole comunicare amore, affetto e anche gelosia.

Una pianta forte e resistente, molto facile da coltivare perché non necessita di particolari cure. Perfetta per abbellire giardini e balconi grazie alle sue abbondanti fioriture primaverili ed estive. Anche se non mancano le varietà che sbocciano durante i mesi invernali.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Qualche piccolo consiglio per coltivare al meglio le rose

Le rose sono considerate le regine del giardino, non solo per il loro delizioso profumo e l’incantevole colore, ma anche perché attirano le api e tutti gli insetti impollinatori. Una pianta molto resistente che si adatta a qualunque tipo di clima e temperatura. Perfetta da coltivare sia in vaso che in terra, necessita di un terreno ricco di sostante organiche e ben drenato, per evitare problemi alle radici. È importante far crescere le rose in uno spazio luminoso, ma evitiamo il contatto diretto con i raggi del sole. Inoltre, per avere rose sane e rigogliose utilizziamo questo concime naturale che nessuno si aspetta.

Facciamo attenzione a questo pericoloso parassita che rischia di distruggere le rose in giardino

Durante l’estate, le rose hanno bisogno di essere innaffiate con regolarità. È consigliato, però, bagnare solo il terreno evitando foglie e fiori; questo per evitare l’insorgere di parassiti e funghi. A tal proposito, pochi sanno che per avere delle rose sane e profumate ed evitare questa pericolosa malattia bisogna utilizzare un prodotto naturale casalingo.

Ma non solo, facciamo attenzione a questo pericoloso parassita che rischia di distruggere le rose in giardino. Parliamo degli argidi delle rose, dei piccoli insetti molto simili, per aspetto e colore, alle vespe. In primavera depongono le uova e dopo circa 10 giorni nascono le larve. Sin da subito iniziano ad attaccare le foglie delle rose, fino ad arrivare ai nuovi germogli. Se non si interviene immediatamente si rischia la morte della pianta.

Quali soluzioni adottare

Durante la primavera e quando questi parassiti cominciano ad attaccare la pianta, occorre controllare bene le foglie e cercare i rametti danneggiati. Si procederà, quindi, ad eliminare la parte lesionata per evitare che le uova si schiudano. Molto utile è anche rimuovere manualmente le larve e bruciare tempestivamente i rami e le foglie colpite per evitare che la malattia si propaghi. Possiamo anche intervenire utilizzando degli insetticidi, in questo caso è molto indicato il piretro.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te