EuroDollaro: passano le settimane e lo scenario non cambia. Tuttavia qualcosa sta per cambiare

Sono passate due settimane dall’ultimo aggiornamento (Euro Dollaro: pericoli in vista per chi punta ancora sull’euro sia nel breve che nel lunghissimo periodo. Le attese per la settimana del 7 Agosto) quando scrivevamo

Dello stato dell’Euro contro il dollaro abbiamo già parlato ampiamente nelle settimane scorse (EuroDollaro: la strada al rialzo è ancora lunga! Le attese per la settimana del 24 Luglio).

Come si vede dal grafico seguente la resistenza in area 1.185 ha fatto bruscamente frenare l’ascesa dell’euro che ha chiuso sotto i massimi della settimana precedente. Questa temporanea debolezza, tra l’altro in accordo con quanto previsto dalle serie storiche, potrebbe portare il cambio euro dollaro giù fino in area 1.1432, da dove potrebbe ripartire il rialzo con obiettivo in area 1.2525.

Tutto questo scenario come s’incastra con la previsione di lunghissimo periodo che vede un cambio euro dollaro diretto verso la parità?

Da questo punto di vista nulla è cambiato rispetto a quanto scrivevamo a inizio luglio (Le manovre diversive dell’EURUSD non devono distrarre dal vero obiettivo: la parità!). Solo chiusure trimestrali superiori a 1.21 ridarebbero forza all’euro nel lungo periodo.

La resistenza in area 1.185 ha continuato a frenare la salita e per la terza settimana consecutiva le quotazioni non sono riuscite nel break rialzista. Aumentano, quindi, le probabilità di un ritorno in area 1.1432. L’eventuale rottura di questo livello aprirebbe scenari ribassisti con obiettivi in area 1.06.

blank

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te